Forza Italia, Berlusconi: «Chi ha fiducia nel governo è un coglione»

Il Cavaliere: «Dovremmo essere preoccupatissimi, e, invece, c'è il 50 per cento delle persone che non è preoccupato»

forza italia

Il 24 marzo si vota in Basilicata per le regionali. Silvio Berlusconi si trova a Metaponto per un nuovo tour elettorale. Il leader di Forza Italia ci è andato giù pesante: «Spero che i lucani non restino a casa domenica, è nell’interesse dei vostri figli, svegliatevi. Abbiamo messo l’aeroplano Italia nelle mani di chi non ha mai guidato un aereo… Vedo un grave rischio e pericolo per tutti». Nel mirino del Cav ci sono il M5S, il governo in generale e chi vota per Di Maio e Salvini. «Non vedo come si possa avere fiducia in questi» che sono al governo, eppure «leggo numeri sulla fiducia che mi fanno andare fuori di testa. Non posso pensare che ci sia ancora più di un italiano su due che guardi con rispetto» a questo governo «pensando che ci siano persone capaci. Dovremmo essere preoccupatissimi, e, invece, c’è il 50 per cento delle persone che non è preoccupato. Italiani, svegliatevi, aprite gli occhi, guardatevi nello specchio e domandatevi: ‘Sei un coglione o una persona intelligente?’. Risposta: ‘Sei un coglione’».

Sulla Cina
«Sono sicuro di una vittoria in Basilicata, sono stato accolto con grande affetto», ha aggiunto il numero uno di Forza Italia, che poi è entrato nel merito dell’accordo Italia-Cina. «La Cina dovrebbe fare paura a tutti. E’ un Paese comunista e totalitario. Un regime politico ed economico, non di libero mercato, che ha un programma di egemonia su tutto il mondo. Non vedo perché non dovremmo essere preoccupati di tutto questo. Vedo nel futuro dei miei figli, dei miei nipoti e di tutti i cittadini un grave rischio, un pericolo. Dobbiamo difendere i nostri valori occidentali che sono la democrazia, il libero mercato e la libertà che è padre e madre di tutti i diritti contro una strategia di egemonia molto pericolosa».

 

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 − due =