Forza Italia, Bernini va all’attacco: «Siamo alle comiche iniziali»

Il presidente dei senatori azzurri: «Sono state messe le basi per un'altra alleanza che farà del male al Paese»

Forza Italia
Anna Maria Bernini (foto da Facebook)

Pista calda o pista fredda? Dal governo M5S-Lega alla potenziale maggioranza M5S-Pd (più Leu), con Salvini e il centrodestra tagliati fuori. Tutto è possibile. Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia, ha commentato così le ultime novità arrivate dai palazzi della politica: «La giornata di ieri, col voto sul calendario al Senato, ha messo le basi, si fa per dire, per un’altra alleanza che farà del male all’Italia: dal governo gialloverde a quello giallorosso. Morto un contratto, dunque, se ne fa un altro, ancora più spregiudicato. Esponenti autorevoli del Pd si affannano a sostenere che il governo uscente è stato un disastro, ma che la colpa è tutta di Salvini, e non del Movimento che esprime il premier e che ha in mano i due terzi delle leve di comando. Vedremo come andrà a finire: per il momento si può dire che siamo solo alle comiche iniziali». 

Sul reddito di cittadinanza
Parole per nulla tenere sul reddito di cittadinanza, la misura voluta fortemente dal M5S. Bernini ci va giù duro: ”I dati forniti stamani dal viceministro Garavaglia sono impressionanti: più del 70 per cento di chi ha ricevuto il reddito di cittadinanza non ne aveva diritto. Numeri che certificano il fallimento del ministro Di Maio e di una legge assistenziale che invece di abolire la povertà ha premiato i furbetti e incentivato il lavoro nero. Se si aggiunge che mancano ancora i decreti attuativi per consentire ai comuni di chiamare i percettori del sussidio a svolgere servizi socialmente utili – chiude l’esponente di Forza Italia – più che di un fallimento si può parlare di un imbroglio».  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × quattro =