Forza Italia, ecco il vademecum del candidato perfetto

Un documento in dieci punti spiega agli aspiranti parlamentari alle prossime elezioni europee come comportarsi in ogni situazione dai consigli sul look a quelli sulla comunicazione

governo

Come essere un candidato perfetto per le prossime elezioni europee, in grado di partecipare brillantemente a talk show televisivi, parlare ai comizi e interagire col pubblico? Basta seguire il vademecum preparato da Forza Italia per i suoi candidati alla prossima campagna elettorale. Il documento si articola in 10 punti ed è stato preparato ad uso anche degli attuali parlamentari. Si chiama “Promemoria per la campagna elettorale” ed è a disposizione sul sito del partito.

I buoni comportamenti
Il vademecum è diviso in dieci consigli di comportamento che vanno dagli “argomenti” da trattare durante le interviste, i talk, i comizi e le manifestazioni. I candidati vengono invitati ad «essere leader e non follower» e a non arrecarsi danni da soli mettendo da parte le liti interne. Nell’ultimo punto del vademecum, infatti, si legge: «Non discutiamo tra noi, i nostri avversari non sono dentro ma fuori da Fi, lavoriamo tutti insieme fino al voto del 26 maggio, da giugno avremo modo di confrontarci su come costruire la Forza Italia del futuro».

La comunicazione perfetta
I punti 4, 5 e 6 sono dedicati nello specifico alla comunicazione, tanto cara al presidente Silvio Berlusconi. Si parte da quella video-social fino all’abbigliamento, il “biglietto da visita” dei candidati forzisti: «Usiamo sempre – si legge nel punto 4 – un linguaggio chiaro, semplice, diretto, concreto, preciso. Noi siamo quelli che per primi hanno abolito il politichese e usiamo da sempre un linguaggio concreto e popolare. Popolare, cioè comprensibile a tutti, e di sostanza per essere utili al popolo. Noi parliamo come mangiamo, altri parlano di ciò che mangiano».Molto importante è l’attenzione ai dettagli, come ricorda il punto 5 dove, inoltre, si legge: «Abbigliamento e modo di porci negli incontri pubblici, ma anche uso dei vocaboli giusti e precisione dei dati citati anche nella comunicazione social. Così si guadagna autorevolezza e stima».Nel promemoria, al paragrafo 6, viene ricordato che le campagne elettorali si svolgono su due livelli: quello nazionale e quello europeo. «La cornice attuale della campagna elettorale a livello nazionale è la seguente: 1) opposizione senza sconti alla dannosa politica economica e sociale del governo; 2) riproposizione dei contenuti del vero contratto di governo, l’unico sottoscritto dagli elettorali: il programma del centro-destra che prevede la realizzazione dell’equazione dello sviluppo e del benessere».Inoltre, al punto 9, viene richiamata l’importanza di essere figure da seguire e prendere a esempio: «Dobbiamo essere leader, non follower, per fare il modo che i cittadini aprano gli occhi sulla realtà, su chi siamo noi e su chi sono gli altri e si rendano conto che la nostra è l’unica proposta che offre una solida visione del futuro e valori forti ai quali ancorare la difesa della libertà, in tutte le sue declinazioni».