Forze armate, Italia nella top 15: dai carri armati agli elicotteri d’attacco

Il progetto si chiama “Military Strength Ranking 2018”: fa le pulci agli eserciti di 136 nazioni in una maniera quasi scientifica, valutando oltre 55 sottocategorie

forze armate

«Al di là della sfida all’immigrazione, l’Italia guarda al futuro per consolidare diversi programmi e mantenere le sue forze armate al passo con i tempi». E’ questa la descrizione che Globalfirepower fa del nostro Paese, indicandolo nella classifica generale come l’11° esercito più forte del mondo (su 136). Insomma, un figurone calcolando che in vetta alla graduatoria dei sistemi miliari ci sono potenze inavvicinabili a livello numerico e di budget, come Stati Uniti, Russia, Cina e India, messe rigorosamente in ordine dal primo al quarto posto.     

Come funziona
Il progetto si chiama “Military Strength Ranking 2018”: fa le pulci ai sistemi militari di 136 nazioni in una maniera quasi scientifica, valutando circa 55 sottocategorie. La classifica non si basa esclusivamente sul numero totale di armi, ma sulle varietà di armi e la forza lavoro. Tra i fattori presi in esame c’è la stabilità delle singole nazioni, ma non vengono calcolate alcune voci, in primis chi è il leader politico e di riflesso il suo pensiero. Chiaramente le scorte nucleari non sono prese in considerazione. Gli alleati Nato hanno incassato di base un bonus nel punteggio perché possono condividere alcune risorse. Le categorie principali sono manpower (personale in generale), airpower (forza aerea), land strength (unità terrestre), naval strength (forza navale), ma finiscono nel calderone anche geografia, finanza e logistica.

Nel dettaglio
L’Italia ha una popolazione di 62,137,802 persone: il segmento “disponibile” da cui attingere in caso si guerra è di 28 milioni di persone, anche se la quota scende a 22.6 milioni se si considera solo chi sarebbe teoricamente arruolabile nell’immediato. Il personale militare è composto da 267,500 unità, con circa il 90 per cento attivo e in servizio. A terra ci sono 200 carri armati. La forza aerea, invece, ha a disposizione 828 unità: i velivoli da combattimento sono 90, mentre gli elicotteri d’attacco sono 59 (7° posto mondiale). Passando alla forza navale ecco 143 risorse in acqua. Da segnalare 8 sottomarini e 2 portaerei. Il budget complessivo per la difesa? E’ di 37,7 miliardi di dollari. 

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 + 8 =