Furia maltempo, abbattuta la foresta dei violini  

Ancora una strage di alberi a causa del maltempo. Dopo quella di Stradivari, è stata abbattuta l’altra foresta che ha dato vita a violini oggi famosi nel mondo: la foresta della Val Saisera, la foresta degli abeti rossi. “Era l’estremo baluardo difensivo dell’Impero Asburgico – spiega Franco Polo, Coordinatore delle Guide Ambientali Escursionistiche Aigae del Friuli Venezia Giulia, secondo cui “siamo dinanzi ad un danno di cui non abbiamo ancora coscienza”. “Ho visto interi versanti con schianto di alberi e penso all’inevitabile dissesto che ne seguirà, sostiene Polo, per il quale “il danno al patrimonio naturale è pesante con ferite che non si rimargineranno subito”. 

Risultano inoltre “isolate intere valli – prosegue il ccordinatore delle guide alpine – come la val Cellina, Val Vajont, Val Degano, l’alta Val Tagliamento, la zona di Sauris e dal Friuli la località turistica di Sappada per non parlare delle diverse frazioni isolate in un territorio di 300 km quadrati”. E ancora, numerosi paesi sono senza corrente elettrica, in particolare 26 comuni in Carnia “hanno l’obbligo di bollire l’acqua perché gli acquedotti sono mal ridotti”.  

(Fonte: Adnkronos)