Giustizia, Berlusconi: «Non ho mai criticato la magistratura»

Il presidente di Forza Italia, in un'intervista a "Il Gazzettino", parla della necessità di un governo di centrodestra e parla del suo rapporto con i magistrati

forza italia

Per Silvio Berlusconi l’Italia ha bisogno di un «governo politico di centrodestra» con «leader competenti e scelti dal popolo». Il leader di Forza Italia, in un’intervista al quotidiano “Il Gazzettino”, parla del suo rapporto con la giustizia e i magistrati e del futuro dell’esecutivo, spiegando di non aver mai fatto il nome di Mario Draghi, attuale presidente della Bce, come possibile Presidente del Consiglio. Tuttavia, ha aggiunto, «l’Italia ha bisogno di leader competenti e scelti dal popolo – e – qualunque persona seria auspicherebbe che Draghi fosse parte del governo del nostro Paese», ma non di un governo tecnico.

Il rapporto con la magistratura
Berlusconi, poi, ha affrontato il tema giustizia affermando di non aver mai voluto criticare la magistratura in quanto ordinamento dello Stato, ma soltanto alcuni giudici: «Io non ho mai criticato la magistratura, intesa come ordinamento dello Stato. Al contrario, ha tutto il mio rispetto ed anzi ammiro i tanti magistrati che svolgono il proprio compito con onestà, sobrietà e discrezione. Quelli che ho criticato sono alcuni singoli magistrati, in alcune Procure della Repubblica, che per pregiudizio ideologico o per desiderio di notorietà hanno utilizzato lo strumento giudiziario per un fine politico, per perseguire me, i miei familiari, i miei amici personali e politici».

 

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

16 − 2 =