Governo Conte bis, si accende un riflettore sulle nuove generazioni?

Nelle linee programmatiche previsti interventi per pensione di garanzia, politiche di welfare per under 35 e stop alla fuga di cervelli

reddito di cittadinanza

Sì alla pensione di garanzia, via a politiche di welfare per gli under 35 ma anche stop alla fuga di cervelli. E’ il nuovo programma di governo M5S-Pd ad accendere un riflettore sui giovani. A cominciare da un intervento per sollevare le sorti pensionistiche di quanti sono stati assunti dopo il 1995, data di avvio del metodo di calcolo contributivo, che rischiano di maturare assegni del tutto inadeguati se non inesistenti.

Le linee programmatiche
«È essenziale investire sulle nuove generazioni, vera risorsa per il futuro del Paese al fine di garantire a tutti la possibilità di svolgere un percorso di crescita personale, sociale, culturale e professionale», si legge nel documento che illustra le nuove linee programmatiche che prevede anche la necessità di creare «le condizioni affinché chi ha dovuto lasciare l’Italia possa tornarvi e trovare un adeguato riconoscimento del merito» oltre a «incrementare politiche di welfare rivolte ai giovani che provengono da famiglie a basso reddito». Sul fronte previdenziale il programma prevede anche l’intenzione di «rinnovare l’istituto cosiddetto ”opzione donna” e di “incrementare il Fondo previdenziale integrativo pubblico». Il nuovo governo si porrà anche l’obiettivo, si legge ancora, di «recepire le direttive europee sul congedo di paternità obbligatoria e sulla conciliazione tra lavoro e vita privata».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno + 15 =