Governo, Ordine dei medici: «Si passi dalle intenzioni ai fatti concreti»

«Il nuovo ministro - chiede la Fnomceo - convochi le professioni sanitarie, per impostare insieme ai professionisti e insieme ai cittadini una politica di sostegno al Servizio sanitario nazionale»

salute

«Il Governo si impegnerà a difendere la sanità pubblica e universale, valorizzando il merito e predisponendo un piano di assunzioni straordinarie di medici e infermieri, potenziandone i percorsi formativi», ha dichiarato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante il suo discorso alla Camera. Parole che sono state apprezzate dalla Fnomceo, Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri.

La nomina di Speranza
La Federazione ha poi manifestato apprezzamento per i propositi espressi dopo la nomina dal neoministro della Salute, Roberto Speranza. «Ora si passi dalle ottime intenzioni ai fatti concreti», esorta il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli. «Il nuovo ministro – è la richiesta – convochi le professioni sanitarie, per impostare insieme ai professionisti e insieme ai cittadini una politica di sostegno al Servizio sanitario nazionale». Gli obiettivi comuni siano «rilanciare la sanità pubblica, promuovere le sue straordinarie professionalità, passare dall’aziendalizzazione alla gestione responsabile basata su obiettivi di salute». «Nel discorso programmatico del presidente del Consiglio Giuseppe Conte – spiega Anelli in una nota – abbiamo apprezzato i forti richiami alla sanità e all’ambiente, a un’autonomia differenziata delle Regioni “giusta e cooperativa” che possa contribuire a colmare il divario tra Nord e Sud del Paese, oltre a quelli all’informazione libera e all’Europa. In particolare, il riferimento all’universalismo e alla solidarietà del nostro Ssn, a un piano straordinario di assunzioni di medici e infermieri, alla riforma della loro formazione e l’annuncio dello stop alle autorizzazioni alle trivellazioni nei nostri mari. Sono tutti interventi urgenti e necessari, e che la Fnomceo chiede da tempo».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 − uno =