Clamoroso nel Governo: niente elezioni, via Renzi ma sono già pronti i “responsabili”

Grandi e clamorose manovre nei palazzo della politica romana. Secondo quanto riferito nei giorni scorsi sia da Repubblica che da Adnkronos, sarebbe già partita “l’operazione responsabili”, con dodici Senatori pronti a costituire un gruppo parlamentare nuovo sotto l’insegna di un partito comunque già presente alle scorse elezioni con almeno un eletto. Il Governo Conte 2, dunque, starebbe in questi giorni trovando la sua ancora di salvataggio, nonostante i venti di crisi nella maggioranza acuiti dallo scontro con Italia Viva sulla riforma Bonafede. In questi giorni, dunque, si susseguono incontri e cene, per trovare una soluzione alternativa perché, nei fatti, nessuno tra i parlamentari eletti ha voglia di “tornare al voto” e dunque la legislatura procederà probabilmente con un terzo Governo (in meno di due anni).

Conferma dell’operazione

Il regista dell’operazione è Paolo Romani, capogruppo di Forza Italia la scorsa legislatura, uomo vicino a Fininvest, pronto a lasciare Berlusconi. “Noi ci costituiamo e diventiamo interlocutori del governo. Un gruppo alternativo a quello di Fi, di forte ispirazione liberale, popolare e riformista, sempre nel perimetro del centrodestra, che non intende affatto fare da stampella a Conte e sostituirsi ai renziani. Mi piacerebbe che questa operazione politica fosse un progetto per l’Italia”. ” ha confermato Romani

Le diverse anime

Dentro al progetto di movimento “europopolare” ci sarebbero parlamentari delusi di Forza Italia, esponenti vicini a Toti, ex pentastellati ora nel Misto, esponenti dell’Udc. Accanto a Romani ci sarebbe anche una vecchia conoscenza Gaetano Quagliariello, impegnato a coordinare e organizzare cene e incontri.