Governo, Rotondi (FI): «A Di Battista la Dc lo avrebbe fatto ministro»

Il vicepresidente dei deputati di Forza Italia nonché ex ministro per l’attuazione del programma nel Berlusconi IV, lo scrive su twitter

crisi di governo

«In questa orgia di citazioni democristiane a sproposito, dico la mia: l’unica cosa che certamente farebbe la Democrazia cristiana, in questa crisi, sarebbe stata mandare Alessandro Di Battista al governo. La prassi Dc prevedeva sempre il coinvolgimento dei dissidenti». A scriverlo su twitter è il vicepresidente dei deputati di Forza Italia nonché ex ministro per l’attuazione del programma nel Berlusconi IV, Gianfranco Rotondi, in relazione alla crisi di governo in atto.

Di Maio – Di Battista come De Gasperi – Dossetti
«Di Battista come Donat-Cattin? Forse questa volta hai esagerato», gli risponde Guido Crosetto, ex deputato e attuale presidente dell’Aiad (Aziende italiane aerospazio difesa), sempre sul social network. E Rotondi precisa: «Non paragono i personaggi ma il metodo, la politica ha tecniche invariabili. De Gasperi volle Dossetti al governo per lo stesso motivo per cui Di Maio vuole Di Battista». E poi continua «De Gasperi detestava Dossetti,lo considerava un professorino insolente e demagogico, ma lo volle sottosegretario. Pronunció la famosa frase: “se sono così bravi,vadano alla stanga”».