Governo, Tajani: «Rispettiamo le istituzioni, incontreremo Conte»

Il vicepresidente di Forza Italia spiega come il partito abbia scelto un'altra linea rispetto alla Lega, i cui vertici diserteranno l'incontro. E il centrodestra si divide anche sulle manifestazioni di piazza

governo

Forza Italia non seguirà lo stesso “sentiero” deciso dalla Lega per protestare contro il governo giallorosso, ma si presenterà alle consultazioni con il premier incaricato, Giuseppe Conte, con tutti i vertici del partito a partire dal presidente dei forzisti, Silvio Berlusconi. Ad affermarlo il vicepresidente del partito, Antonio Tajani, che spiega: «Noi siamo per la democrazia parlamentare, siamo all’opposizione ma rispettiamo le istituzioni. Se il premier incaricato ci chiede di incontrarci, ci andiamo e spieghiamo le ragioni del nostro dissenso».

Centrodestra “spaccato”
«Andare alle consultazioni – spiega Tajani all’AdnKronos – non significa essere conniventi di Conte, noi rispettiamo le istituzioni». Una linea diversa da quella decisa da Matteo Salvini, che ha fatto sapere, invece, di non aver intenzione di presentarsi all’incontro con il presidente del consiglio. Alle consultazioni non prenderanno parte neanche i capigruppo del partito, ma la delegazione della Lega sarà composta dai sottosegretari uscenti Claudio Durigon e Lucia Borgonzoni. E il centrodestra si divide anche sulle manifestazioni contro il nuovo governo. Mentre il leader del Carroccio e Giorgia Meloni annunciano manifestazioni separate di Lega e Fratelli d’Italia contro l’alleanza Pd-M5S, Forza Italia prende le distanze: «Salvini e Meloni in piazza? Ognuno fa le sue scelte…» è il commento di Tajani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × uno =