Grillo jr al pm: “Non fu violenza sessuale ma sesso consenziente”

“Non c’è stata violenza sessuale, ma sesso consenziente”. Lo ha ripetuto più volte Ciro Grillo, il figlio del garante del M5S, davanti al Procuratore capo di Tempio Pausania Gregorio Capasso, durante l’interrogatorio che si è tenuto in gran segreto giovedì sera nei locali della piccola Procura. Un interrogatorio lungo, difficile, terminato solo in tarda serata, come apprende l’Adnkronos. E’ stato il suo legale a chiedere alla Procura di sentire Grillo junior, che è indagato, con tre amici, per violenza sessuale di gruppo su una giovane che sarebbe avvenuto nel luglio 2019 nella sua villa in Costa Smeralda. Nel novembre scorso il magistrato ha chiuso le indagini e ha messo gli atti a disposizione della difesa, che ha chiesto un termine per fare le controdeduzioni ed eseguire le indagini difensive. E nei giorni scorsi sono stati ascoltati gli altri tre indagati dell’indagine, tenuta top secret. Giovedì sera è toccato, invece, al giovane Ciro Grillo. Dalla Procura bocche cucite sul contenuto dell’interrogatorio.