Guardia di Finanza: a Siena, in cinque mesi scoperti oltre trenta evasori

I soggetti individuati dalla Guardia di Finanza hanno cercato, con escamotage vari, di nascondere oltre 10 milioni di euro

Guardia di Finanza

Hanno portato i loro frutti le operazioni messe in atto, dall’inizio dell’anno, dalla Guardia di Finanza nell’hinterland di Siena. Nei soli primi cinque mesi del 2019, infatti, le Fiamme Gialle senesi hanno individuato in tutta la provincia più di trenta persone che erano completamente sconosciute al fisco. I soggetti individuati dalla Guardia di Finanza hanno cercato, con escamotage vari, di nascondere oltre 10 milioni di euro.

Attività investigativa
«Gli evasori totali sono stati scovati grazie al dispositivo di controllo economico del territorio approntato dal comando provinciale – spiega la Guardia di Finanza senese in una nota – e all’indispensabile azione investigativa condotta sul campo».

Operazioni, quelle svolte da gennaio a maggio, importanti perché «l’evasione fiscale produce effetti negativi per l’economia, ostacola la normale concorrenza fra le imprese, danneggia le risorse economiche dello Stato e accresce il carico fiscale per i cittadini onesti», sottolineano ancora i finanzieri nella nota. Contrastare l’evasione fiscale significa quindi garantire una tassazione che sia più equa e proporzionale alla capacità di ogni contribuente e «ripristinare le necessarie condizioni di giustizia e solidarietà tra Stato e cittadini», concludono le Fiamme gialle.

Battaglia di civiltà
Poco tempo fa anche il vice ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, aveva sottolineato, con un lungo post su facebook, l’importanza della lotta all’evasione fiscale. «Non è solo una battaglia di civiltà – scriveva il vice ministro – ma è anche lo strumento che ci permetterà di abbassare le tasse a tutti i cittadini che le pagano regolarmente. I nuovi strumenti presenti nel decreto legge fiscale ci hanno permesso di recuperare molte più risorse rispetto agli anni precedenti». «Il mio desiderio – concludeva la Castelli – è quello di vedere un capitolo unico di bilancio dedicato esclusivamente al risultato di tutto lo sforzo dello Stato e dei cittadini nella lotta all’evasione così che possa essere destinato a ciò che realmente serve».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

17 − 4 =