Il governo sale in cattedra e t’insegna a gestire i risparmi. Online il portale quellocheconta.gov.it

«Chi ha maggiore conoscenza finanziaria pianifica di più il proprio futuro, risparmia di più ed investe meglio i propri risparmi, si indebita di meno e gestisce meglio il proprio debito»: è la dichiarazione programmatica e, al tempo stesso, l’obiettivo educativo del nuovo sito quellocheconta.gov.it

Chi non vorrebbe avere sempre con sé un consulente serio e affidabile al quale chiedere consigli per superare gli ostacoli che affrontiamo ogni giorno in tema di economia e finanza, mutuo e pensione, gestione dei figli o investimenti bancari?

Oggi questo interlocutore esiste ed è a disposizione di tutti; basta avere una connessione internet e collegarsi al sito www.quellocheconta.gov.it, portale dedicato appunto al mondo dell’economia e della finanza – ancora in fase di ultimazione –, creato per aiutare il cittadino a districarsi, ad esempio, tra mutui a tasso fisso o variabile, carte di credito o di debito, apertura di un conto corrente oppure cessione del quinto dello stipendio.

Economia in sicurezza: educazione alla finanza
Quando si parla di soldi e internet le paure di imbattersi nelle fake news o, peggio ancora, di cadere nelle trappole di truffatori online spesso orienta i comportamenti degli utenti verso lo scetticismo e la diffidenza. Un sentimento di sfiducia che può però essere superato con la conoscenza dei principali meccanismi finanziari che sottendono alle nostre quotidiane attività economiche, e vivere così più serenamente le scelte da effettuare in ambito bancario o previdenziale.

È da questa premessa che nasce il sito www.quellocheconta.gov.it, voluto dal Governo e che, non a caso, presenta come sottotitolo “Il portale dell’educazione finanziaria”. La garanzia di navigare su di un sito sicuro è data, oltre che dal profilo istituzionale dello stesso, dal Comitato che lo ha ideato e che ne cura le pagine. «Questo portale è frutto del lavoro del Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale – si legge nella sezione “Chi siamo/Comitato” -. Il Comitato ha natura istituzionale: la sua costituzione è infatti prevista da una norma primaria e lo compongono membri designati da istituzioni e autorità». Tra le personalità appartenenti al Comitato che ha strutturato i contenuti del sito troviamo, tra gli altri, rappresentanti del Mef (ministero Economia e Finanze), del Mise (ministero Sviluppo Economico), del Miur (ministero dell’Istruzione Università e Ricerca), dell’Mlps (ministero Lavoro e Politiche sociali), della Banca d’Italia e della Consob.

Navigare tra i numeri, programmare il futuro
Tra i diversi servizi informativi messi a disposizione per i cittadini, reperibili attraverso la pagina “Cosa conta per te?” che immette su di un duplice percorso “Momenti che contano” e “Sapere che conta”, si possono ottenere informazioni qualificate e documentate su diverse tematiche.
Ad esempio nella sezione “Momenti che contano” troviamo approfondimenti dedicati alle opportunità di investimento dello stipendio, alle scelte più idonee per gestire l’economia familiare e far quadrare i conti con un figlio in arrivo, alla costruzione di un piano pensionistico idoneo alla proprie future necessità.
Nelle pagine della sezione “Sapere che conta” reperiamo, invece, preziose informazioni in caso di emergenza finanziaria. Abbiamo così sezioni destinate al come affrontare momenti inattesi di penuria economica, alla conoscenza ed alla distinzione tra una carta di credito e una di debito, oppure al mondo dei conti correnti bancari e dei servizi connessi, quali ad esempio bonifici Sepa, assegni bancari e addebiti degli istituti finanziari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here