Il sindaco di Casteldaccia: “Tragedia immensa”  

“Una tragedia immensa, infinita. Non ci sono parole”. Il sindaco di Casteldaccia (Palermo) Giovanni Di Giacinto è visibilmente sotto choc. Ha trascorso tutta la notte davanti alla villetta di contrada Dagali dove sono morte nove persone, sommerse dall’acqua e dal fango del fiume Milicia esondato poche centinaia di metri più avanti. “E’ stato straziante – dice Di Giacinto all’Adnkronos- Sono andato via da lì solo poco fa. Stiamo parlando di nove persone, tra cui dei bambini piccoli. Solo una persona è riuscita a salvarsi solo perché è riuscito a salire su un albero”.  

“Ieri sera qui non pioveva neppure tanto – aggiunge il sindaco, ex deputato regionale siciliano – e il fiume non era particolarmente ingrossato. Una tragedia terribile. Immagino che l’acqua sia venuta già dall’entroterra”. La villetta sommersa si trova a circa 100, duecento metri dall’argine del fiume. O da quello che rimane dell’argine del fiume”. Il sindaco annuncia per i prossimi giorni il lutto cittadino a Casteldaccia.  

(Fonte: Adnkronos)