Intenzioni di voto, alle europee sarà un testa a testa fra M5S e Pd

Nelle rilevazioni dell'Istituto Swg la Lega si conferma il primo partito, seguito dai pentastellati che risorpassano i dem. Nel centrodestra è in ripresa Forza Italia

intenzioni di voto
Luigi Di Maio (M5S) e Nicola Zingaretti (Pd)

A poco più di 15 giorni dalle elezioni europee del 26 maggio, si iniziano a tirare le fila di quelli che potrebbero essere i possibili risultati delle urne. Il governo continua a tenere, nonostante i toni particolarmente elevati tra le sue due componenti, Lega e M5S, a causa della vicenda riguardante il sottosegretario Siri, con le continue richieste di dimissioni da parte del leader pentastellato, Luigi Di Maio, e la difesa di Siri da parte della Lega e di Matteo Salvini (in attesa del prossimo consiglio dei Ministri, dove il premier Giuseppe Conte dovrebbe richiedere la destituzione del sottosegretario).
L’ultima rilevazione dell’Istituto Swg, sulle intenzioni di voto per la prossima consultazione elettorale, vede l’esecutivo ancora stabile al 53,4 per cento delle preferenze. Tuttavia, analizzando il dato nel dettaglio, rispetto a una settimana fa il Carroccio continua a scendere, passando dal 31,6 al 30,7 per cento (2 settimane fa era al 32,3 per cento) mentre i 5 Stelle recuperano punti e tornano ad essere il secondo partito, risorpassando il Pd.

Testa a testa tra dem e 5 Stelle
I dem, infatti, scendono al 22,2 per cento contro il 22,7 per cento dei grillini che guadagnano quasi un punto percentuale (erano al 21,8). Visto l’andamento delle rilevazioni nell’ultimo mese con continui sorpassi e controsorpassi è probabile che, a meno di sorprese, tra il MoVimento 5 Stelle e il Partito democratico sarà un testa a testa all’ultimo voto.
Per quanto riguarda le altre forze politiche, invece, nel centrosinistra l’alleanza tra + Europa e Italia in Comune non recupera consensi, ma continua a scendere arrivando al 2,7 per cento. Stesso discorso per La Sinistra (Sinistra Italiana e Rifondazione Comunista) che dal 3,1 passa al 2,8 per cento. Chi recupera qualche punto percentuale è Europa Verde che, rispetto all’ultima rilevazione sale dall’1,5 all’1,8 per cento.

Forza Italia in rimonta
Nel centrodestra, ride solo Forza Italia. Il partito guidato da Silvio Berlusconi, infatti, sembra beneficiare della candidatura del suo presidente e della campagna elettorale che sta facendo in prima persona e continua a recuperare punti arrivando al 9,1 per cento (due settimane fa era all’8,4). Non va allo stesso modo per Fratelli d’Italia che perde leggermente scendendo dal 5 al 4,6 per cento.
Infine, il sondaggio dell’Swg prevede, per il voto che si terrà fra una ventina di giorni, un’affluenza tra il 58 e il 62 per cento.

intenzioni di voto
(Fonte: https://www.swg.it/politicapp)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici + dodici =