Internet, gli italiani temono soprattutto il furto dei dati

Lo rivela un sondaggio realizzato dall'Istituto Swg. L'uso della rete in Italia è in crescita, ma il nostro Paese è tra gli ultimi nell'Unione europea

internet

Aumentano sempre più gli italiani che trascorrono almeno una parte della propria giornata navigando online. Secondo i dati Istat relativi al 2018, infatti, 1 persona su 2 usa internet quotidianamente e il 68,5 per cento della popolazione con almeno 6 anni è in grado di connettersi. La ricerca è contenuta nel report 2019 “Noi Italia” dove l’Istat riferisce anche che, nonostante il forte aumento dell’utilizzo del web in Italia, il nostro Paese è ancora nelle ultime posizioni della graduatoria europea, superando soltanto Grecia, Croazia, Bulgaria e Romania.

I rischi del web
Tuttavia, un utilizzo crescente di Internet pone gli utenti di fronte a un rischio maggiore dei pericoli della rete e dall’uso massiccio dei social network. L’Istituto Swg ha realizzato un sondaggio per conoscere quali sono le paure principali di chi naviga quotidianamente. A farla da padrone sono i cyber-attacchi: il furto dei dati, infatti, è visto come il pericolo principale, indicato dal 29 per cento degli intervistati. Seguono le fake news (26 per cento) e le truffe informatiche (26 per cento). Subito fuori dal podio, con il 23 per cento, troviamo la violazione della privacy, il rischio di perdere il contatto con la realtà (22 per cento) e quello di ritrovarsi il pc “infestato” da virus e malware (19 per cento). Fanalino di coda per il bullismo e la diffamazione/denigrazione online (entrambi al 10 per cento).

internet
(Fonte: https://www.swg.it/radar)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × quattro =