Italia, è possibile un isolamento internazionale?

L'Istituto Swg ha realizzato un sondaggio in cui analizza quale sia la preoccupazione degli italiani sull'eventualità che si verifichi un simile scenario

Italia

Quanto conta l’Italia a livello internazionale? È possibile un isolamento del nostro Paese? Il governo gialloverde fra Lega e M5S, così come le altre forze sovraniste in giro per l’Europa non sono certo ben viste dai partiti tradizionali. A questo vanno aggiunti, gli “scontri” fra i nostri rappresentanti e la Commissione europea, alla fine del 2018, sulla manovra economica varata dal governo e le recenti frizioni fra Italia e Francia con il temporaneo rientro in patria dell’ambasciatore francese, Christian Masset.
Inoltre, in base alle proiezioni sviluppate da Kantar Public, sull’assegnazione dei seggi del prossimo Parlamento europeo, l’Italia potrebbe vedere ridotto il numero di suoi rappresentanti all’interno dei principali gruppi del Parlamento. La data del 26 maggio, giorno delle elezioni europee, è ancora lontana, ma se le proiezioni presentate a Bruxelles fossero confermate, il nostro Paese rischierebbe di perdere un po’ della sua influenza. Infine, il recente vertice a due fra la cancelliera tedesca, Angela Merkel, e il presidente francese, Emmanuel Macron, per discutere della politica industriale europea, potrebbe far pensare a un’Italia che viene lasciata indietro dall’asse franco-tedesco.

Paese diviso a metà
A domandare agli italiani quale sia la loro preoccupazione per un eventuale isolamento internazionale dell’Italia è stato l’Istituto Swg in un recente sondaggio. Dai risultati emerge come il nostro Paese sia sostanzialmente diviso in due. Il 45 per cento degli intervistati, infatti si dice molto o abbastanza preoccupato su un eventuale isolamento dell’Italia, contro il 47 per cento che ritiene questa possibilità poco probabile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × uno =