La Perla, intesa per cigs e assegno ricollocazione 

Stipulata al ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali l’intesa sulla cassa integrazione guadagni straordinaria per cessazione di attività e sull’accordo di ricollocazione dei dipendenti delle aziende La Perla Manufacturing srl e La Perla Global Management UK Limited. Ad annunciarlo è il dicastero in una nota.  

L’incontro, al quale hanno preso parte anche le organizzazioni sindacali di categoria e i rappresentanti della Regione Emilia-Romagna, è stato aperto dall’intervento del sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali, Francesca Puglisi, che ha ricordato quanto il marchio La Perla sia un’eccellenza del made in Italy e quanto il territorio sia sensibile verso la vicenda, auspicando che “l’accordo possa chiudere un periodo di grande sofferenza” vissuto dai lavoratori, molti dei quali sono donne e madri.  

L’intesa riguarda complessivamente 65 dipendenti del sito di Bologna, impegnati nelle linee “uomo” e “ready to wear”. La cassa integrazione è stata accordata dal 1° novembre al 31 dicembre 2019 pur permanendo in capo all’azienda e alle organizzazioni sindacali l’interesse a che il percorso di cigs prosegua fino a completamento dei prossimi dodici mesi. In considerazione della cessazione di attività, i lavoratori saranno sospesi a zero ore senza rotazione.  

La Regione Emilia-Romagna ha garantito l’attivazione di una serie di strumenti di politiche attive, per le quali i locali Centri per l’Impiego hanno già individuato le azioni da compiere rispetto ai curricula dei lavoratori e alle loro competenze specifiche, lungo un percorso che sarà arricchito da incontri individuali e collettivi. Inoltre, saranno organizzati seminari per l’illustrazione dell’assegno di ricollocazione per cigs strumento ancora poco conosciuto dei beneficiari. 

“Il lavoro, la dignità delle lavoratrici, dei lavoratori e il futuro delle loro famiglie. Questo prima di tutto. Siamo soddisfatti per i risultati raggiunti fino a qui, ora si apre una fase nuova per il rilancio dell’azienda – hanno commentato il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore alle Attività produttive, Palma Costi – Restiamo a fianco delle lavoratrici de La Perla e dei sindacati che in questi mesi si sono battuti per trovare la migliore delle soluzioni possibili, che ora dovrà essere concretizzata, e le istituzioni locali con loro. Continuiamo a seguire da vicino la vicenda e a impegnarci per il futuro dello storico stabilimento di Bologna che rappresenta un pezzo importante del Made in Italy”.