Lavoro, Adinolfi raccoglie firme per il “reddito di maternità”

Il presidente nazionale del Popolo della Famiglia annuncia una settimana di mobilitazione per la proposta di legge di iniziativa popolare

lavoro

Il Popolo della Famiglia si prepara a celebrare la Festa del Lavoro con una settimana di mobilitazione che partirà il 1° maggio per completare la raccolta firme sulla proposta di legge di iniziativa popolare sul reddito di maternità. Ad annunciarlo è il presidente nazionale del PdF, Mario Adinolfi. L’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia si terrà l’11 maggio a Roma come evento conclusivo della raccolta firme sul reddito di  maternità.

«Davanti alla tragedia della denatalità, il 1 maggio è per noi la grande occasione per ricordare che il lavoro più necessario e prezioso oggi nella nostra società desertificata dalla cultura della morte, dell’aborto e dell’eutanasia, è il lavoro di una madre che cresce un bimbo. Noi saremo nelle strade proprio dall’ 1 maggio fino a giovedì 8 maggio per completare la raccolta firme sul reddito di maternità e rispondere così alla peste bianca europea, che ci vede diventare un paese e un continente di vecchi».

La proposta
«Mille euro al mese per i primi otto anni di vita del figlio alle donne che si dedicheranno in via esclusiva alla famiglia sono la proposta concreta in Italia e in Europa della lista Popolo della Famiglia-Alternativa Popolare affiliata al Ppe, per la quale chiediamo il voto il prossimo 26 maggio. Davanti a partiti che propongono alle donne la via della prostituzione legalizzata a partita Iva, noi rispondiamo con una massiccia campagna di uscita delle donne dalla disoccupazione riconoscendo la maternità come lavoro effettivo da retribuire. Gli elettori scelgano tra questi differenti modelli».

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here