Lavoro, concorso al Senato: non serve la laurea, stipendio da 1726 euro

Si cercano 60 coadiutori parlamentari: possono iscriversi cittadini italiani che abbiano minimo 18 anni e massimo 45 anni

lavoro

Nuove possibilità di lavoro al Senato della Repubblica. Nel cuore di Roma cercano 60 coadiutori parlamentari. Si tratta di figure professionali che si occupano di organizzare l’attività del Senato, dalla segreteria fino ai rapporti esterni ed interni. In sostanza è un lavoro che si avvicina al concetto di “commesso” perché lo svolge chi si occupa di portare avanti il corretto funzionamento degli uffici. Il bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 80: si rivolge ai cittadini italiani che hanno minimo 18 anni e massimo 45 anni. Per candidarsi basta il diploma di maturità, conseguito almeno con la votazione di 39/60 (vecchio ordinamento) o 65/100 (nuovo ordinamento). Lo stipendio di partenza del coadiutore parlamentare è 1.726,86 euro al mese. Insomma, i numeri della busta paga sono sopra la media nazionale. Sono previste per il concorso prove a quiz, prove di dattilografia, prove scritte, orali e tecniche.

Requisiti
Ecco i requisiti per partecipare al concorso: essere cittadini italiani; avere l’esercizio dei diritti civili e politici; diploma di scuola media superiore di secondo grado, conseguito con una votazione non inferiore a 39/60 o a 65/100 o titolo di studio equipollente; età tra i 18 anni e i 45 anni; avere l’idoneità fisica all’impiego in relazione alle mansioni per le quali il candidato concorre.

Per candidarsi 
All’articolo 3 c’è scritto come e cosa fare per candidarsi per il lavoro al Senato. Al comma uno si legge: «La domanda di partecipazione al concorso deve essere inviata con modalità telematica, entro la data di scadenza indicata al comma successivo, esclusivamente attraverso la specifica applicazione infor- matica disponibile all’indirizzo concorsi.senato.it raggiungibile anche dal sito istituzionale del Senato (senato.it). Per accedere all’applica- zione il candidato deve essere in possesso di un’identità nell’ambito del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID). Qualora il candidato ne fosse sprovvisto può richiederla secondo le procedure indicate nel sito spid.gov.it». Il costo è di 10 euro. La scadenza per presentare la domanda è fissata per le ore 18 dell’8 novembre 2019. Il sito di riferimento è concorsi.senato.it.   

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

8 − 6 =