Lavoro: Elena Viezzoli, l’imprenditrice con l’ “x-factor”

A capo di Aethra.net, la donna ha ricevuto il Premio Italo Agnelli, intitolato allo storico imprenditore lombardo, Stella al Merito del Lavoro, e istituito su iniziativa dei figli: Brunella Agnelli e Manuel Agnelli, musicista e frontman degli Afterhours

Da sinistra Manuel Agnelli, Brunella Agnelli, Elena Viezzoli

La capacità di cogliere le sfide del tempo, ereditata da papà Giulio Viezzoli, l’illuminato fondatore di Aethra, ma anche la forte volontà di affrontare le evoluzioni del mercato, mettendosi continuamente in gioco con determinazione ed entusiasmo, sono valse ad Elena Viezzoli il conseguimento dell’ambito Premio Italo Agnelli, intitolato allo storico imprenditore lombardo, Stella al Merito del Lavoro, e istituito su iniziativa dei figli: Brunella Agnelli e Manuel Agnelli, musicista e frontman degli Afterhours. Il premio ogni anno viene  assegnato a personalità e associazioni ritenute esempi vincenti di buone prassi.

Chi è Elena Viezzoli
Anconetana, imprenditrice di successo, oggi alla guida di una sua società di consulenza aziendale nel settore della tecnologia, business coach e impegnata con la Cherie Blair Foundation for Women, la fondazione dell’ex first lady britannica, nel dare voce alle donne che vivono nei Paesi più poveri sostenendole nell’intraprendere un’attività autonoma, Elena Viezzoli ha ricevuto il prestigioso riconoscimento ad Abbiategrasso (Milano), città di cui Italo Agnelli è stato infaticabile presidente dell’associazione commercianti.

A consegnarglielo Brunella Agnelli, figlia dell’imprenditore, e anima del Premio insieme al fratello Manuel, musicista e frontman degli Afterhours.

«Sono molto onorata e felice per questo premio – commenta Elena Viezzoli – che testimonia un riconoscimento a un approccio verso la professione e la vita di cui sono fermamente convinta: inseguire i propri sogni è possibile. Nel mio percorso di imprenditrice mi sono piegata e rialzata, guardando al futuro, facendomi trovare sempre pronta a perseguire nuovi obiettivi, senza paura di rinnovarmi e mettendo a disposizione degli altri la mia competenza e il mio bagaglio di esperienze. Credo che le cadute siano passaggi essenziali nello sviluppo di qualsiasi persona e che non bisogna temerle».

Tre storie di successo
Elena Viezzoli è stata premiata, nella categoria imprenditori, insieme ad Enzo Muscia, l’ex manager di Saronno conosciuto per aver salvato l’azienda che lo aveva licenziato riassumendo tutti i suoi colleghi e Alessandro Invernizzi, presidente onorario di Acqua Lurisia, fondatore, dopo tre diagnosi di leucemia, del movimento dei Feliciani, con il quale si propone di migliorare l’umore del mondo e dei suoi dipendenti.

Tre storie di energia, positività, che veicolano anche un messaggio significativo per tutti quei giovani che vedono un mercato del lavoro immobile e privo di prospettive.

La strada per la ripresa
Nel 2009 Elena Viezzoli ha investito gran parte dei suoi averi per rilevare Aethra.net, ramo di azienda del gruppo di famiglia che stava attraversando una profonda crisi, rilanciandola sui mercati internazionali. Uno straordinario risultato, conseguito lavorando sodo per favorire l’ingresso di un partner industriale americano, per il quale nel 2010 l’imprenditrice è stata premiata come miglior Service Provider al mondo.

Oggi Elena Viezzoli è titolare di una società di consulenza aziendale che porta il suo nome e, in qualità di business coach, si occupa anche di accompagnare imprese e manager in un percorso di miglioramento delle proprie performance, sostenendo l’equilibrio complessivo della persona e lo sviluppo dell’etica aziendale .

«Quando ho rilevato Aethra.net, ho scelto di intraprendere la strada più difficile – conclude – perché pensavo dentro di me che ce l’avrei fatta. Ho raccolto l’insegnamento di mio padre che mi ha sempre spronata ad andare avanti, a non fermarmi mai, a credere in me stessa. Servono coraggio, fatica e tanta passione, ma se si desidera veramente una cosa, alla fine la si ottiene».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × uno =