Lavoro, M5S: «Con Di Maio più tutele e stop a delocalizzazioni»

Il caso Whirlpool è diventato una bandiera da sventolare per il MoVimento 5 Stelle

Il caso Whirlpool si è trasformato in una bandiera da sventolare per il MoVimento 5 Stelle. Nessun esubero, inoltre ritorneranno in Italia alcune linee di produzione attive all’estero. Così i deputati pentastellati della Commissione Lavoro alla Camera in una nota: «Al Ministero dello Sviluppo Economico ieri sera l’azienda Whirlpool e i sindacati hanno firmato un accordo che contiene tutte le richieste formulate da Luigi Di Maio e che rispondono a uno dei nostri obiettivi principali per il rilancio industriale del Paese: far ritornare in Italia alcune linee di produzione attive all’estero e garantire a tutti i dipendenti il loro posto di lavoro durante la fase di completamento del piano industriale. In una parola: rilocalizzazione. Quella contro la precarietà e le delocalizzazioni selvagge è una delle nostre principali battaglie. Nel decreto dignità abbiamo limitato i rinnovi immotivati dei contratti precari e abbiamo fatto in modo che le imprese che se ne sono andate debbano restituire fino a quattro volte quanto hanno ricevuto se delocalizzano fuori dall’UE. I lavoratori di Whirlpool in Italia avranno la cassa integrazione straordinaria fino a dicembre 2020. Nessuno andrà a casa perché gli esuberi sono stati azzerati fino al 2021. L’accordo raggiunto al Mise sul piano industriale dell’azienda è un grande successo del ministro Di Maio e dimostra ancora una volta il suo impegno per la risoluzione dei tanti tavoli di crisi aperti al ministero».

Parla Davide Tripiedi
Questo il commento del vicepresidente M5S in Commissione Lavoro alla Camera dei deputati: «La vera notizia di oggi, che probabilmente non troverete sui giornali, è che con il Governo del Cambiamento stiamo riportando il lavoro in Italia. Da quando siamo al Governo infatti, gli stessi che hanno ridotto questo Paese in macerie, devastando il mondo del lavoro e consegnando milioni di italiani alla povertà, stanno attaccando il Decreto Dignità, il reddito di cittadinanza e tutte le misure messe in campo dal Governo per ridare speranza ai cittadini italiani. Non riusciranno però a fermare il cambiamento. Con questo Governo lo Stato è tornato al fianco dei lavoratori italiani: ieri al Ministero dello Sviluppo Economico il ministro Di Maio ha firmato, insieme ad azienda e organizzazioni sindacali, il nuovo piano industriale 2019-2021 di Whirlpool in Italia. Questo vuol dire che abbiamo riportato la produzione in Italia, salvando tutti i posti di lavoro. Col Governo Renzi le aziende scappavano all’estero per cercare di fare impresa, con il Governo del Cambiamento le stiamo riportando indietro. Stiamo lavorando per il futuro di questo Paese: vogliamo che le nostre imprese tornino ad essere competitive e che i giovani italiani tornino nel nostro Paese a lavorare. E il lavoro non sarà più quello precario e senza tutele del Jobs Act. Questo per noi è più di un dovere. Si tratta di sanare anni di ingiustizie sociali: per questo abbiamo approvato il Decreto Dignità, che restituisce i diritti a tutti i lavoratori italiani, condannati per anni a precarietà e disoccupazione».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here