Lega, molotov contro la sede di Roma. «Le intimidazioni non ci fermano»

Francesco Zicchieri, coordinatore regionale e vice capogruppo alla Camera del Carroccio: «Fortunatamente, escluso un principio di incendio, non è esplosa, procurando solo lievi danni»

lega

Notte agitata a Roma, nel quartiere Prati, uno dei più centrali e ricchi della Capitale. Una molotov è stata lanciata contro il portone d’ingresso della sede della Lega di Via Alessandro Farnese. Senza causare feriti e ingenti danni materiali (a parte un principio d’incendio). La molotov, infatti, non è esplosa nella silenziosa strada della “Roma bene”.

«Si va avanti»
La notizia è stata commentata da Francesco Zicchieri, coordinatore regionale e vice capogruppo alla Camera in quota Lega: «Stanotte la nostra sede di Via Alessandro Farnese è stata oggetto di un vile atto intimidatorio. Degli sconosciuti hanno lanciato una molotov contro il portone di ingresso. Fortunatamente, escluso un principio di incendio, la stessa non è esplosa, procurando solo lievi danni. Abbiamo costruito nel Lazio una realtà grandissima fatta di professionisti, mondo del volontariato, giovani e amministratori locali che finalmente stanno offrendo una speranza ai cittadini. I continui attacchi ai luoghi della democrazia, dimostrano ancora di più il buon lavoro che stiamo portando avanti, sul quale non ci sarà intimidazione che tiene».

«Rimaniamo qui»
«Non è la prima volta che le nostre sedi sono oggetto di atti intimidatori – sottolinea Maurizio Politi, capogruppo leghista in Assemblea Capitolina – Nel caso specifico, la sede è da me utilizzata anche per incontri con associazioni e professionisti che ogni giorno si avvicinano a noi per contribuire al ad progetto di rilancio della città. Se pensano di fermare le tante brave persone che credono ad un’Italia migliore, hanno veramente sbagliato obiettivo. Noi rimaniamo qui, come sempre a volto scoperto e soprattutto di giorno».

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × tre =