Lega, Salvini: «L’Italia può tornare prima potenza economica d’Europa»

Il vicepremier: «Ma serve il coraggio. I ministri sono pagati per risolvere problemi, non per crearli. Flat tax? O si fa e si vive, o non si fa e si muore»

lega

«Se abbiamo coraggio, torniamo a essere la prima potenza economica d’Europa». Parola di Matteo Salvini, vicepremier e leader della Lega, intervenuto durante l’inaugurazione del primo tratto della Superstrada Pedemontana Veneta. A proposito dei chilometri completati, Salvini ha sottolineato:«E’ un’emozione perché questo è il miglior messaggio ai mercati internazionali, alle borse, ai signori dello spread, agli investitori. Questa è l’Italia su cui investire, l’Italia del fare, l’Italia del sì, l’Italia del coraggio». Ancora: «Gli imprenditori italiani sono più forti della burocrazia e della politica».

Sulla flat tax
«La riduzione abbondante del carico fiscale per le imprese o le famiglie non è un capriccio della Lega: o si fa e si vive, o non si fa e si muore. O si tagliano le tasse a chi produce ricchezza o il debito esplode. Andremo a dirlo ai commissari europei. Se la gente non lavora il debito cresce, se la gente lavora ti paga le tasse, riapre il negozio e il debito scende. Non ci vuole uno scienziato dell’economia».   

Nodo Tav
«Probabilmente Leonardo sarebbe stato bloccato dall’analisi costi-benefici. Sono convinto che la Tav vada conclusa, non è un puntiglio politico, ma buonsenso», spiega il numero uno della Lega a proposito della Torino-Lione. 

Giustizia
«E’ urgente una riforma della giustizia, servono regole certe. Non si può impantanare il Paese», dice con convinzione Salvini. Che poi aggiunge: «Abbiamo festeggiato un anno di governo ieri l’altro, però quanti dubbi. Pensiamo alla nave dell’altro giorno, anche lì si parlava di ma, però, forse, dipende. I ministri sono pagati per risolvere problemi, non per creare problemi».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × uno =