Legge di Bilancio, Brunetta: «Ennesima sottomissione ai voleri dell’Ue»

Il responsabile economico di Forza Italia attacca il governo Salvini - Di Maio colpevole, a suo dire, di rimettersi ai voleri della Commissione

governo
Renato Brunetta (foto da Facebook)

«Una volta capito che gli intenti bellicosi di Lega e Movimento Cinque Stelle si sono sciolti come neve al sole, e che Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono del tutto innocui a Bruxelles, i traders hanno cominciato a scontare che anche la querelle Italia-Europa sulla prossima Legge di Bilancio si concluderà con un altro diktat della Commissione alla quale l’Italia si adeguerà, dopo aver fatto finta di stracciarsi le vesti. Ormai, lo hanno capito tutti, chi comanda in Italia è la Commissione: bella fine per il sovranismo nostrano di Salvini e Di Maio». A scriverlo in una nota è il deputato Renato Brunetta, responsabile economico di Forza Italia.

Strategie discutibili
«L’idea che dei conti pubblici italiani si occupi l’Europa a trazione franco-tedesca, con l’Italia relegata a mera esecutrice, piace molto agli investitori. Così hanno deciso che è profittevole acquistare BTP, a prezzi di saldo. Se il ritorno degli investitori è evidentemente una bella notizia, non lo è altrettanto il motivo per cui sono tornati, ovvero la certezza di un controllo comunitario esercitato sui conti di Roma, come ricordato anche dal commissario agli affari finanziari Pierre Moscovici – . incalza Brunetta in una nota successiva – Non lo è neanche il fatto di pensare a quanti miliardi di euro in maggiori interessi sul debito gli italiani dovranno pagare nei prossimi anni, per effetto degli alti rendimenti di emissione registrati nelle aste dell’ultimo anno. Miliardi di euro buttati via, che il Governo avrebbe potuto far risparmiare ai contribuenti se soltanto avesse tenuto un comportamento più dialogante con le istituzioni europee, considerato che alla fine ha dovuto chinare il capo lo stesso. Davvero una pessima strategia, culminata con il commissariamento de facto del nostro Paese e con una bolletta in conto interessi salatissima da pagare».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − 15 =