Licei sotto esame: le pagelle delle superiori italiane

Eduscopio ha messo a confronto 7 mila strutture partendo dagli esiti universitari e lavorativi di oltre un milione di diplomati

licei

Cerchi la scuola superiore per tuo figlio? Beh, il passaparola conta, i forum su internet pure, ma da qualche anno esiste uno strumento che può aiutare le famiglie e soprattutto gli studenti nella scelta migliore dopo aver concluso l’iter delle medie. Almeno sulla carta. Visto che c’è poco tempo. Le iscrizioni, infatti, si svolgeranno in anticipo in ottica del prossimo anno: dal 7 al 31 gennaio. 

Il portale
Si chiama Eduscopio, è un programma della Fondazione Agnelli, che da adesso si può consultare online nella versione 2018/2019. Il portale è nato quattro anni fa e stila le classifiche delle scuole – città per città – analizzando i big data del ministro dell’Istruzione, in primis le 7 mila strutture e soprattutto gli esiti universitari e lavorativi di oltre un milione di diplomati. L’interfaccia è intuitivo e semplice. Inizialmente si deve scegliere l’obiettivo, cioè se punti su un istituto scolastico che prepari al meglio al mondo del lavoro o all’università. A questo punto bisogna creare un profilo (questione di secondi) e poi si opta per indirizzo di studi (dal classico fino al linguistico), città e la possibilità o meno di “viaggiare” in un raggio che va dai 10 km ai 30 km.  

A Roma
Il Liceo Torquato Tasso è il classico più “efficace” nella capitale. Si trova in Via Sicilia, non lontano dalla stazione Termini. Forma studenti che avranno all’università i voti più alti d’Italia (tra i classici): 28,17 (su 30) come media. Da questo istituto sono usciti «nomi importanti della cultura e della scienza (E. Majorana, N. Cabibbo, L. Caglioti, S. Segre, M. Emmer, B. Zevi, M. Cristofani, A. La Regina, P. Guzzo, V. Bachelet, P. Portoghesi), della politica (S. Serra, G. Malagodi, G. Andreotti, L. Pintor, A. Reichlin, L. Castellina, G. La Malfa), del mondo dello spettacolo e del giornalismo (V. Gassmann, L. Squarzina, R. Vianello, C. Maselli, R. Zangrandi, S. Curzi, G. Zincone, U. Stille, P. Mieli) e l’elenco potrebbe continuare a lungo, con la citazione di personaggi noti a vario titolo, come Adolfo Lauro de Bosis, Romano e Vittorio Mussolini e molti altri ancora», si legge sul sito degli ex studenti. Lo scientifico migliore di Roma? Il Righi, il gemello del Tasso. Del resto, si trovano uno a un passo dall’altro.   

Da Milano a Napoli
A Milano comandano gli istituti privati. L’Alexis Carrel è al primo posto, davanti al Sacro Cuore tra i classici. Performance da primi della classe allo scientifico Volta, che detiene la palma di numero uno in assoluto nei voti universitari: media di 28,42 (su 30). A Torino il miglior ginnasio è il Cavour. A Firenze il Dante Alighieri (classico) resiste sul trono da quando è nato Eduscopio. A Napoli brilla lo speciale primato del Piero Calamandrei: i diplomati mai bocciati sono l’89,3 per cento, un record a livello nazionale.  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre + diciotto =