M5S, Di Maio: «Non se la possono prendere sempre con me»

Il capo politico: «Serve un radicale cambiamento alla struttura organizzativa del Movimento, così non può funzionare. Qualcuno si prenda le responsabilità»

m5s

Luigi Di Maio, capo politico del M5S, si è sfogato durante il suo intervento a Rtl 102.5. Il vicepremier ha detto che il Movimento dovrà cambiare a livello organizzativo, con referenti operativi e presenti sul tutto il territorio nazionale. «Non si può pretendere di non avere una organizzazione interna al Movimento e contemporaneamente prendersela sempre con me. Sono abituato a prendermi le responsabilità, ma anche basta – dice Di Maio – Parlamentari del M5S irriconoscenti con me? Sorrido, sono 6 anni che ogni cosa che succede nel Movimento è sempre colpa di Di Maio. Serve un radicale cambiamento alla struttura organizzativa, così non può funzionare. Qualcuno si prenda responsabilità»

Sul governo e l’Europa
«Il vertice di ieri è andato bene, ci siamo dati degli obiettivi. La tregua c’è se si lavora per gli italiani, non c’è se si continua a vivacchiare. L’obiettivo è una legge di bilancio che aumenti gli stipendi, con salario minimo e non solo, e diminuisca le tasse. Servirà dialogo con l’Europa ma anche prese di posizioni ferme. Io contro il premier Conte? Nessuno mi metterà mai contro di lui».

I mini bot
«L’obiettivo è ripagare le aziende che hanno crediti con la pubblica amministrazione. Il come si chiami lo strumento non importa», commenta Di Maio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × 1 =