“Made in Italy è il top, per restarci occorre strategia”  

“Partire dalla ricerca, perché il Made in Italy è riconosciuto in tutto il mondo ed è fondamentale che questo non cambi”. Lo afferma Franco Manzato, sottosegretario Mipaaft, intervenuto al Food&Science Festival di Mantova. “Per rimanere al top ci vuole però tanta strategia: in Italia valiamo poco come quantità di produzione, ma tanto come qualità. La ricerca deve essere quindi il nostro punto di partenza, e per questo stiamo lavorando a un progetto che gestirà il sottosegretario Alessandra Pesce che coinvolgerà mondo accademico e stakeholders. Questa la visione strategica a cui stiamo lavorando”, aggiunge. 

“L’agricoltura in Italia è un settore in grande evoluzione. Quella italiana è la prima economia agricola per valore assoluto, nonostante le difficoltà, con 1,1 milioni di aziende agricole e 12 milioni di ettari di superficie. Sono 61 i miliardi che porta all’economia italiana l’industria alimentare, 33 soli dall’agricoltura”, spiega Riccardo Vanelli, amministratore delegato di Syngenta. “Anche noi, come il sottosegretario Manzato, siamo convinti che la ricerca sia fondamentale. Per questo investiamo ogni anni 1,4 miliardi di euro in ricerca e sviluppo, con oltre 5mila collaboratori impegnati in tutto il mondo in questo campo”. 

(Fonte: Adnkronos Prometeo)