Maltempo, i grillini si tagliano lo stipendio: «Politici, seguite l’esempio»

I soldi raccolti dal Movimento 5 Stelle (circa 2 milioni di euro) verranno versati su un fondo della Protezione civile a favore delle popolazioni colpite dall'ondata di pioggia delle ultime settimane

maltempo

Una mano sul cuore e l’altra dentro il portafoglio. I parlamentari del M5S si sono tagliati lo stipendio (mesi luglio-settembre) raccogliendo una cifra di circa 2 milioni di euro. Questi soldi verranno versati su un fondo della Protezione civile a favore popolazioni colpite dall’ondata di maltempo delle ultime settimane. Del resto, undici regioni italiane hanno chiesto e ottenuto lo stato d’emergenza. Nella scorsa legislatura i pentastellati hanno restituito più di 23 milioni di euro, investendoli sul fondo del microcredito. Adesso cambia il destinatario, ma non la sostanza. Il M5S, infatti, ha sempre sostenuto che lo stipendio dei parlamentari è un privilegio, che i politici guadagnano troppo e che quindi si tratta di uno spreco di soldi pubblici. «Lo stipendio noi ce lo tagliamo, come abbiamo stabilito, e l’eccedenza la diamo agli alluvionati. Un piccolo gesto, ma molto concreto», ha scritto Luigi Di Maio sul blog delle stelle.

La nota e l’invito
«Siamo certi che tutti i partiti e gruppi politici presenti in parlamento e nelle regioni dopo l’apprezzamento del dipartimento della Protezione civile al versamento da parte dei parlamentari del Movimento 5 Stelle di oltre 2 milioni di euro sul conto dedicato per il maltempo, aderiranno al nostro appello e provvederanno immediatamente a tagliarsi gli stipendi devolvendoli a questa causa. L’Iban del conto corrente dedicato è il seguente IT49J0100003245350200022330 con la causale: “donazione a favore popolazioni colpite da eventi alluvionali ottobre novembre 2018. In questo modo altre risorse si aggiungeranno oltre a quelle derivanti dai tagli dei nostri stipendi e riprendendo le parole del dipartimento e del sistema di Protezione civile che ci hanno ringraziato tutti i partiti “daranno un segnale di vicinanza alle regioni colpite dall’eccezionale maltempo delle ultime settimane, ma anche un segno di fiducia nei confronti del dipartimento e del sistema di Protezione Civile tutto”. Anche i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle di diverse regioni provvederanno a devolvere i tagli dei loro stipendi nel conto della Protezione civile, l’appello è quindi rivolto ad ogni livello istituzionale», hanno detto i capigruppo del Movimento 5 Stelle di Camera e Senato Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 3 =