Manovra, ecco la rivoluzione dello scontrino elettronico

In arrivo la nuova ricevuta fiscale elettronica che diventerà obbligatoria dal 2020, e porterà con sé anche un concorso a premi

Manovra

Lo scontrino tradizionale va in soffitta per lasciare il posto alla sua controparte elettronica. Una misura contenuta nel decreto fiscale, collegato alla manovra economica, che sarà attiva da luglio 2019 per tutti gli esercizi con introiti superiori ai 440 mila euro l’anno (circa 260 mila soggetti), per poi essere estesa a tutti gli esercenti a partire da gennaio 2020.

Come funzionerà
In pratica, tutti i dati relativi all’incasso giornaliero, verranno memorizzati e trasmessi telematicamente all’Agenzia delle entrate. L’entrata in vigore del provvedimento è soggetta alla «capacità dei produttori dei registratori di cassa telematici di effettuare gli adeguamenti del parco macchine oggi esistente, producendo ed immettendo sul mercato gli apparecchi in grado di sostituire i registratori di cassa non upgradabili e dalla connettività internet delle varie zone all’interno del territorio nazionale».
Nel documento è previsto, per permettere ai negozianti di far fronte alle spese di una nuova apparecchiatura o in caso di aggiornamento di una esistente, «un contributo una tantum pari al 50 per cento della spesa sostenuta». Si potrà usufruire dell’agevolazione, per gli acquirenti «sotto forma di sconto al momento dell’esecuzione dell’adeguamento o dell’acquisto del prodotto e da recuperare, per il venditore del prodotto, in compensazione attraverso il modello F24».

Acquista e vinci
Insieme allo scontrino elettronico, dal 1 gennaio 2020 scatterà un’altra iniziativa collegata alla ricevuta fiscale. Si tratterà di un vero e proprio concorso a premi che verrà chiamato “lotteria dei corrispettivi”. Pertanto, a partire da gennaio 2020, tutti i maggiorenni (purché non chiedano la fattura con partita Iva) che faranno acquisti all’interno di negozi che trasmettono telematicamente gli incassi, potranno prendere parte «all’estrazione a sorte di premi attribuiti nel quadro di una lotteria nazionale». Partecipare è molto semplice: basterà comunicare, al momento dell’acquisto, il proprio codice fiscale che verrà inviato dal negoziante all’Agenzia delle entrate e si potrà partecipare all’estrazione che avverrà ogni mese. Il provvedimento era già stato introdotto nel 2017, ma poi di volta in volta rimandato. Lo scopo dell’iniziativa, è quello di incentivare le persone a chiedere l’emissione dello scontrino fiscale (in questo caso elettronico), per combattere l’evasione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here