“Matei ha espiato la pena, resta l’amarezza”  

di Sara Di Sciullo
“Le sentenze si rispettano, come si rispetta l’ordinamento penitenziario. La pena è stata espiata”. Lo afferma all’AdnKronos Alberto Feliziani, uno degli avvocati che ha assistito la famiglia di Vanessa Russo, la ragazza romana morta dopo essere stata colpita a un occhio con la punta dell’ombrello il 26 aprile 2007, dopo la notizia che Doina Matei, condannata a 16 anni per il delitto, è tornata libera e ha finito di espiare la pena in anticipo di quattro anni grazie alla buona condotta.  

“Mi inchino alla giustizia, la pena è stata espiata – conclude l’avvocato, spiegando che da diverso tempo non è in contatto con la famiglia della vittima – Resta l’amarezza”. 

(Fonte: Adnkronos)

Annunci