M&G, un’estate al lavoro: dalla barlady al personale nudista per le pulizie

    Da giugno a settembre si moltiplicano le opportunità professionali per chi opera nel turismo e, a volte, le richieste sono piuttosto bizzarre

    M&G

    Camerieri, cuochi, baristi, pizzaioli, lavapiatti, gelatai, banconisti, barman, sono di certo questi i profili più richiesti nel periodo estivo. Da giugno a settembre, infatti, si moltiplicano  le opportunità professionali per chi opera nel turismo, con alcuni settori, come quello  della ristorazione e della ricettività, che in questi mesi raggiungono il massimo della produttività. Alberghi, ristoranti, bar, villaggi vacanze e stabilimenti balneari sono i posti in cui presentarsi se si è alla ricerca di un’opportunità lavorativa. Senza dimenticare discoteche, locali notturni e negozi, ossia tutte le attività che operano nelle località di villeggiatura, dai paesini del Trentino Alto Adige alle spiagge della Puglia.

    Non solo ristorazione…
    Ma estate è anche sinonimo di divertimento e, come osservano i professionisti dell’M&G, società specializzata nella fornitura di servizi in appalto alle aziende, tra le figure di spicco della stagione non possono certo mancare gli animatori turistici e gli istruttori, ossia coloro che intrattengono e organizzano attività sportive o ricreative negli alberghi e nei villaggi vacanza. Così come barman e bar lady, protagonisti delle serate dei vacanzieri all’insegna di relax e buongusto. E poi ancora i bagnini e le bagnine o i cosiddetti “tutto fare” per i campeggi. Leit motiv: mettersi in gioco, fare esperienza e, perché no, rendere l’estate proficua.

    Proposte di lavoro bizzarre
    Ma occhio alle offerte di lavoro a cui si risponde, d’estate ce ne possono essere di particolarmente bizzarre. Come quella scovata dai recruiter dell’M&G riguardante un camping estivo, in Piemonte, dedicato ai nudisti. Tra le figure di cui aveva bisogno la struttura c’era anche il personale addetto alle pulizie. E fin qui tutto normale. La particolarità è che il camping chiedeva espressamente che il personale svolgesse il servizio in “tenuta adamitica”. Un modo per non mettere in imbarazzo gli ospiti del campeggio naturista? Di certo trovare qualcuno disposto a pulire, spolverare e rassettare completamente nudo non è impresa facile, almeno in Italia. Cosa diversa in Gran Bretagna dove le pulizie in versione nudista sono diventate di moda da un paio d’anni, dopo che un’azienda ha proposto questo tipo di servizio alla propria clientela naturista. Che il camping piemontese faccia da apripista anche in Italia?

     

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here

    uno × 2 =