Migranti, Salvini: «È finita la pacchia»

Il leader della Lega parla dei risultati raggiunti sul fronte immigrazione. Inoltre, risponde alle accuse di Matteo Renzi e del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris

droga

Matteo Salvini torna a parlare di immigrazione esultando per i risultati raggiunti: «Dieci arresti tra Lombardia e Piemonte, tra cui alcuni pubblici ufficiali, accusati tra le altre cose di favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina, corruzione e alterazione di documenti per rilasciare titoli di soggiorno. Grazie alla Polizia!». Inoltre il ministro dell’Interno sottolinea come sia diminuito notevolmente anche il numero delle domande accolte per chi aveva richiesto lo status di rifugiato: «Business dell’immigrazione di massa, la pacchia è finita! Dal primo gennaio 2019 al 30 aprile, solo l’11 per cento delle domande degli immigrati ha ottenuto lo status di rifugiato, e grazie a criteri più seri i dinieghi sono al 76 per cento. Dalle parole ai fatti».

La risposta a Renzi e Salvini
Il leader della Lega, poi, ha risposto a distanza alle accuse lanciategli dal sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, e dall’ex segretario del Pd, Matteo Renzi: «Dobbiamo fare sempre di più e sempre meglio, ma agli insulti di De Magistris e Renzi rispondiamo con i fatti e con le statistiche». E aggiunge: «Un altro “fatto” è l’assunzione di 8mila donne e uomini per le forze dell’ordine e i vigili del fuoco, che ci aiuteranno ancora di più a contrastare i criminali. E con il decreto sicurezza – continua Salvini – abbiamo dato più fondi e poteri agli amministratori locali: infatti il Comune di Napoli ha potuto assumere 53 nuovi vigili. De Magistris faccia il sindaco e Renzi faccia il senatore: i napoletani e i fiorentini meritano di più».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dieci + nove =