Natale, i regali da fare e quelli da evitare ai colleghi d’ufficio

Gli uomini preferiscono cibo e vino, le donne oggetti da scrivania e libri. Da evitare i doni troppo costosi

Natale

Croce e delizia delle feste natalizie è, ovviamente, la corsa ai regali. C’è chi decide di farli in anticipo e chi, invece, si riduce all’ultimo momento. E oltre ad amici e familiari, ci sono anche i regali ai colleghi d’ufficio. Tuttavia, da un’indagine realizzata da Infojobs, è risultato che, su un campione di più di 3mila persone, solo il 22 percento sceglie di scambiarsi dei doni sul posto di lavoro.

Donne più partecipative degli uomini
A rispondere negativamente è stato l’80 percento degli uomini, contro il 62 percento delle donne. Esaminando, invece, quelli che decidono di comprare un regalo di Natale, il 49 percento degli uomini lo fa alle persone con cui si trova a condividere più ore di lavoro, mentre il 48 percento acquista solo un presente per l’amico d’ufficio. Tra le donne prevale il regalo all’amica, scelto dal 59 percento, contro il 43 percento che condivide qualcosa con i colleghi con cui lavora più frequentemente. E se il 36 percento degli uomini preferisce un regalo uguale per tutti, per non fare preferenze e non scontentare nessuno, le donne (il 54 percento) scelgono un dono ad hoc.

Quali regali e quando darli
Il 31 percento degli uomini sceglie di regalare cibi o vini particolari, contro il 26 percento che opta per oggetti da scrivania e il 12 percento che guarda ai libri.
La classifica dei doni delle donne, invece, vede al primo posto gli oggetti da scrivania e i libri, scelti entrambi dal 22 percento, lasciando in ultima posizione il vino, col 12 percento delle preferenze.
Il momento ideale per lo scambio di auguri e regali di Natale è l’ultimo giorno prima delle vacanze, scelto dal 61 percento degli intervistati, contro cene o aperitivi organizzati tra colleghi (li preferisce il 16 percento del campione). Le ultime due posizioni vedono al 12 percento la scelta di lasciarli con un biglietto sulla scrivania di chi riceve il regalo, o consegnarli personalmente durante la festa aziendale (opzione scelta dall’11 percento).

Cosa non regalare
Dal sondaggio, infine, è emerso come il 47 percento non vorrebbe ricevere regali troppo costosi dai colleghi, probabilmente per non sentirsi in imbarazzo, il 34 percento non sopporta l’oggettistica da scrivania, il 29 percento i coupon da condividere con chi ha fatto il regalo, il 23 percento non ama ricevere doni troppo personali e il 20 percento l’abbigliamento. E tra i regali più curiosi ricevuti dagli intervistati troviamo un campanaccio, uno zerbino, un fucile da pesca e una graffetta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

8 − 1 =