Natale, ti serve un idraulico? Costa almeno il doppio

Gli imprevisti in casa non vanno in ferie: chiamare un professionista in questi giorni fa lievitare i prezzi, si va oltre il 50 per cento della tariffa base

natale

Natale è alle porte e anche le agognate ferie invernali. Ma se molti italiani sono pronti a partire per i Paesi caldi o la montagna, c’è chi invece resterà a casa a festeggiare. O a lavorare. Ecco così, tra un parente e un amico, apparire alla porta degli ospiti natalizi un po’ insoliti: sono gli idraulici, gli elettricisti e i fabbri che, con buona pace dei loro familiari e dei clienti disperati, sembrano essere richiesti anche nei giorni segnati in rosso sul calendario.

Idraulici: i più richiesti
Stando ai dati raccolti dall’Osservatorio di ProntoPro, il portale leader in Italia che mette in contatto domanda e offerta di lavoro, gli imprevisti in casa non vanno in ferie neanche a Natale e Capodanno. Infatti, se per riparare alcuni guasti si può anche attendere qualche giorno, in alcuni casi l’intervento di un professionista non può essere assolutamente posticipato. E a risentirne, spesso, è anche il portafoglio. Secondo l’indagine effettuata, i professionisti più indaffarati durante le scorse festività sono stati gli idraulici, seguiti dagli elettricisti e dai fabbri. Analizzando le richieste raccolte dal portale il 25 e il 26 dicembre dello scorso anno e il 1° gennaio del 2018, a rovinare il piacere di una meritata vacanza in famiglia sono stati soprattutto i guasti alla caldaia, seguiti dai problemi all’impianto elettrico (dalla fotocellula del cancello automatico in tilt ai guasti di più grossa entità) e dalle richieste di riparazione o sostituzione della serratura. Senza dimenticare le richieste di intervento per le improvvise perdite d’acqua e per gli scarichi otturati.

Costi alle stelle
In caso di problemi che necessitano un pronto intervento nei giorni festivi, le maggiorazioni applicate sulle tariffe possono far lievitare i preventivi del 55 per cento in media. Infatti, il costo della cosiddetta “uscita” da rimborsare al professionista – che nei giorni feriali si aggira sui 40 euro – cresce mediamente di tre volte. Per la manodopera e la fornitura, invece, la cifra richiesta risulta invariata in 4 casi su 5 rispetto ai giorni feriali. Prendendo in esame le maggiori richieste raccolte durante le scorse festività, è emerso che per la riparazione della caldaia gli idraulici hanno fatturato in media 170 euro per ciascun intervento, 210 sono stati invece gli euro spesi in media da chi è rimasto fuori casa e ha dovuto sostituire la serratura. Tra gli interventi effettuati dagli elettricisti, invece, circa 300 euro sono stati richiesti per la riparazione del cancello automatico, mentre molto variabili sono risultati i costi per altri interventi  all’impianto elettrico e idrico. Occhio, dunque, agli imprevisti: a Natale, in alcuni casi, i preventivi possono arrivare a costare anche più della tanto attesa tredicesima.

Annunci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

6 + tredici =