Nomine Ue, Sassoli è il nuovo presidente dell’Europarlamento

Il parlamentare del Partito democratico è stato eletto al secondo scrutinio. Prende il posto di Antonio Tajani e durerà in carica due anni e mezzo

nomine Ue

Sono bastate due votazioni per eleggere il successore di Antonio Tajani alla presidenza del Parlamento europeo. La decisione dell’Aula è ricaduta su David Sassoli, già vicepresidente dell’europarlamento, candidato dai socialisti, che si è imposto con 345 voti a favore sul ceco Jan Zahradil, dei Conservatori e Riformisti, sulla spagnola Sira Rego della sinistra Gue/Ngl e sulla tedesca Ska Keller dei Verdi. Un risultato senz’altro prestigioso per l’Italia che, nel valzer delle nomine Ue, mantiene un importante carica. Sassoli rimarrà alla presidenza per i prossimi due anni e mezzo.
Dopo aver citato Jean Monnet, nel discorso che ha preceduto le votazioni, il neo presidente ha ricordato Aldo Moro in un tweet scritto a risultato acquisito: «Si tratta – diceva Aldo Moro –  di vivere il tempo che ci è stato dato con tutte le sue difficoltà. Si tratta, però, anche di essere coraggiosi e fiduciosi. Proprio in questo senso accolgo con fiducia e con coraggio la mia elezione a Presidente del Parlamento europeo. Grazie!».

Biografia – il giornalista…
Volto noto del giornalismo italiano, David Maria Sassoli nasce a Firenze il 30 maggio del 1956. Come giornalista inizia a collaborare sin da giovane con piccoli giornali ed agenzie di stampa, per poi passare nella redazione romana del quotidiano Il Giorno, dove per sette anni segue i principali avvenimenti politici e di cronaca.
Inizia a lavorare in tv nel 1992 come inviato di cronaca del Tg3. Successivamente ha lavorato ad altri programmi di informazione su Rai Uno e Rai Due, per poi entrare, nel 1999, nella redazione del Tg1 come inviato speciale. Nei dieci anni seguenti, conduce le principali edizioni del telegiornale e si concentra sui grandi avvenimenti interni e internazionali. Nel 2007 diventa vice direttore del Tg1 e responsabile dei programmi di approfondimento “TV7” e “Speciale TG1”.

…e il politico
Dopo essersi candidato con il Partito democratico, viene eletto al Parlamento europeo il 7 giugno del 2009 con oltre 400 mila preferenze. Nella legislatura 2009-2014 ha ricoperto l’incarico di capo delegazione del Pd. Terminata la legislatura decide di ricandidarsi e alle europee del 2014, nella circoscrizione del Centro, ottiene oltre 200 mila preferenze (60 mila soltanto a Roma). Il 1° luglio dello stesso anno viene eletto Vicepresidente dell’Europarlamento con 393 voti, risultando il secondo più votato in quota PD-PSE con delega alla Politica del Mediterraneo, al Bilancio e agli immobili. Come membro della Commissione Trasporti e Turismo è inoltre relatore della riforma ferroviaria europea (IV Pacchetto Ferroviario) e del Cielo Unico europeo. Ricandidatosi nuovamente alle ultime elezioni viene rieletto per la terza volta venendo scelto dall’assemblea come presidente del Parlamento.

I commenti
Tra i primi a congratularsi per l’elezione, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: «A nome degli italiani tutti e mio personale desidero porgerle le più vive congratulazioni per la sua elezione alla presidenza del Parlamento Europeo e sentiti auguri di pieno successo nello svolgimento del suo importantissimo incarico. Nel suo messaggio il Capo dello Stato aggiunge: «L’alta responsabilità che le è stata affidata dai parlamentari dei Paesi dell’Unione rappresenta una testimonianza dell’ampia fiducia riposta nella sua persona e un riconoscimento al suo costante e proficuo impegno nelle istituzioni europee. In questo spirito, le rinnovo i più sinceri e calorosi auguri di buon lavoro».
Raggiante per il risultato conseguito dal Pd anche il segretario dei dem, Nicola Zingaretti che, sempre via social, si congratula per l’elezione di Sassoli: «Vittoria! David Sassoli presidente del Parlamento Europeo. Un Italiano del Pd tra le massime figure delle istituzioni europee. Il Governo Italiano ha fatto danni e ci ha isolato. Il Pd c’è e conta, al servizio delle Istituzioni e del nostro Paese».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 + 9 =