Non è l’arena, Salvini contro la Fornero: ‘A 65 anni sei a rischio per il coronavirus, bizzarro che devi lavorare fino a 67’

Matteo Salvini, nel corso della sua partecipazione alla trasmissione Non è l’arena, è stato protagonista di un’associazione di temi.

Uno d’attualità relativi al coronavirus e uno resta sempre al centro dell’attenzione politica: le pensioni.

Da tempo, infatti, si discute di una riapertura lasciando il lockdown seguendo il così detto “modello Israele”.  Il paese mediorientale ha varato un piano di ritorno alla normalità, parametrato per fasce d’età.  I più anziani saranno gli ultimi a riprendere la propria quotidianità.

Salvini ricorda la Fornero

Matteo Salvini evidenzia come, a suo avviso, l’Italia dovrà raggiungere al più presto livelli di sicurezza adeguati ad un ritorno alla normalità che sia il più tempestivo possibile. Ma proprio sulla possibilità che gli anziani possano essere gli ultimi ad abbandonare la quarantena, ha inteso sottolineare come, in realtà, molti di loro potrebbero ancora essere costretti a recarsi al lavoro per effetto della legge previdenziale principale: quella varata dal governo Monti, la Fornero.

“Sopra una certa – ha detto il leader della Lega –  età l’uscita sarà successiva. E’bizzarro sentirsi che dire che sono a rischio italiano e italiane dai 65 anni in su, quando secondo una legge approvata qualche anno fa si poteva andare a lavorare fino 67-70 anni”.