Ocse, bacchettata sul reddito di cittadinanza: «E’ troppo alto»

L'Organizzazione con sede a Parigi: «La messa in opera dovrà essere monitorata attentamente per assicurare che i beneficiari siano accompagnati verso adeguate opportunità di lavoro»

ocse

L’Ocse bacchetta l’Italia sul reddito di cittadinanza, il cavallo di battaglia del M5S, da poco introdotto in via ufficiale. L’Organizzazione con sede a Parigi conferma nel rapporto sull’occupazione che «il livello attuale del sussidio è elevato rispetto ai redditi mediani italiani e relativamente a strumenti simili negli altri paesi Ocse». Traduzione: è troppo alto secondo l’Ocse. In Italia gli ultimi dati dicono che lo stipendio medio è di 1.570 euro, mentre l’importo medio del reddito di cittadinanza è di 540 euro.     

Da monitorare
«La messa in opera» del redditto di cittadinanza, «dovrà essere monitorata attentamente per assicurare che i beneficiari siano accompagnati verso adeguate opportunità di lavoro». Di più. Il problema è tutto quello che ruota attorno al redditto, cioè i navigator e i centri per l’impiego. «Il sistema italiano di servizi pubblici per l’impiego manca di personale qualificato, di strumenti informatici e di risorse adeguate e, per queste ragioni, la qualità dei servizi è bassa e varia notevolmente attraverso il paese. Oltre ad ulteriori risorse, occorre migliorare il coordinamento tra le autorità centrali e quelle regionali responsabili dell’implementazione delle politiche attive, anche attraverso linee guida comuni per un miglioramento dei servizi per l’impiego». 

Sottoccupati
«La quota di lavoratori sotto occupati in Italia è più che raddoppiata dal 2006, ed è ora la più alta tra i paesi Ocse». La quota di lavoro temporaneo, rileva ancora, «è superiore alla media Ocse ed è cresciuta notevolmente nell’ultimo decennio». I contratti a tempo determinato si collocano al 15,4 per cento del lavoro dipendente contro una media nell’area Ocse dell’11,2 per cento; quelli a tempo parziale breve (1-19 ore settimanali) al 15,2 per cento del lavoro dipendente contro una media Ocse al 15,9 per cento.

Buone e cattive notizie
Il rapporto, inoltre, rivela che «è improbabile un forte calo dell’occupazione complessiva nonostante una preoccupazione diffusa che i cambiamenti tecnologici e la globalizzazione possano distruggere molti posti di lavoro». Ma anche che «il sistema italiano di formazione permanente non è attrezzato per le sfide future». 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here