Omicidio Roma, “Luca si è difeso da colpi mazza” 

Luca Sacchi si è difeso mettendo le braccia davanti al viso mentre veniva colpito con una mazza da baseball nei secondi prima di essere ucciso con un colpo in testa la settimana scorsa mentre si trovava con la fidanzata davanti a un pub di Colli Albani a Roma. Lo dimostrano le ecchimosi, emerse durante l’autopsia e presenti sugli arti superiori della vittima. Per la morte del giovane 24enne sono in carcere Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i due 21enne accusati di omicidio.Ieri la conferenza stampa della famiglia: “Forse Luca si fidava troppo”