Omicidio Varani, papà di Luca: “Foffo non è matto”  

di Silvia Mancinelli  

“Le motivazioni espresse dai giudici della Corte di Cassazione non mi sorprendono, che Manuel Foffo fosse in grado di intendere e di volere è ciò che abbiamo sempre sostenuto”. Così all’Adnkronos Giuseppe Varani, padre di Luca, ucciso da Manuel Foffo insieme a Marco Prato, suicida in carcere, il 4 marzo 2016 nell’appartamento al Collatino. “Chi ha torturato barbaramente mio figlio uccidendolo non è matto, non è mai stato ricoverato in strutture psichiatriche, ha preso la patente, ha studiato; aveva i vizi di alcol e droga ma sono scelte sue. E’ maggiorenne e responsabile delle sue azioni e come tale deve pagare”.  

“Per quello che ha fatto a mio figlio – continua commentando le motivazioni della sentenza della Cassazione del 3 luglio scorso – la condanna sarà sempre insufficiente, ha fatto una esecuzione, si è macchiato di un omicidio in stile Isis. Mi auguro che non ci sia alcuno sconto per lui che ha condannato a morte il mio ragazzo per i suoi gusti barbari. Non deve avere spazio su questa terra che gli dia pace”. 

(Fonte: Adnkronos)

Annunci