Partecipazione, la politica appassiona ancora gli italiani?

Un'indagine dell'Istituto Swg ha evidenziato quanto coinvolgimento ci sia, da parte dei cittadini, nelle discussioni che riguardano il governo del Paese

partecipazione

La politica può essere ancora considerata un argomento di discussione e dibattito nei nostri discorsi o ormai si tratta soltanto di un affare relegato ai dibattiti nei talk show e agli scontri sui social? Effettivamente, in parte per via del proliferare del fenomeno dei “troll” e dei cosiddetti “haters” pronti a imperversare su forum e social media si potrebbe essere portati a pensare che ormai la vera partecipazione sia solo un ricordo e che parlare di politica voglia dire al massimo prendere una posizione (come ad esempio professarsi di destra o di sinistra) e che una conversazione ragionata non sia più possibile. Eppure, a giudicare dai dati di un sondaggio dell’Istituto Swg, la maggior parte degli italiani (il 75 per cento) ha ancora voglia di discutere e appassionarsi alle tematiche che riguardano il governo del Paese.

Più del 40 per cento è ancora appassionato
Agli intervistati è stato chiesto quale sia il loro comportamento nel momento in cui, in una conversazione fra amici o conoscenti, inizi una discussione su un argomento riguardante la politica. Il 41 per cento ha dichiarato di appassionarsi al discorso e di partecipare alla conversazione; anche il 34 per cento afferma di prendere parte al discorso, pur senza appassionarsi. Il 17 per cento, invece, preferisce ascoltare senza partecipare attivamente, contro il 4 per cento che sceglie di non farlo perché non interessato. Infine, solo un 4 per cento confessa di essere disgustato dagli argomenti che riguardano la politica.

partecipazione
(Fonte: https://www.swg.it/politicapp)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here