Pd, Renzi: «Accordo con M5S mi fa rosicare ma se serve all’Italia…»

L’ex segretario dem: «E’ un atto di responsabilità, se non si va a un governo si va a elezioni con l'aumento dell'Iva e la recessione»

pd

Matteo Renzi, ex segretario del Pd, è stato uno dei primi sponsor dell’accordo tra i dem e il M5S. Ne aveva parlato subito dopo la crisi innescata da Matteo Salvini. «A me costa un sacco fare l’accordo, mi fa rosicare, non dico “che bello!”, sarà lo stesso per il M5S. Non dimentico offese e insulti, ma se serve all’Italia si fa», ha detto oggi Renzi durante un intervento su La7. 

Fiducia alta 
L’ex segretario del Pd è fiducioso: secondo lui si andrà a dama con il governo giallorosso, anche se i risultati della piattaforma Rousseau non sono ancora stati ufficializzati. «Noi stiamo parlando di un orizzonte di legislatura, il Parlamento deve eleggere il presidente della Repubblica nel gennaio del 2022, abbiamo di fronte a noi 4 anni. Il voto su Rousseau? Non credo che il M5s voglia suicidarsi e che ci siano dubbi: è un atto di responsabilità, se non si va a un governo si va a elezioni con l’aumento dell’Iva e la recessione, non solo un bagno di sangue per l’Italia ma anche per i grillini. Sono ottimista perché facciano prevalere il buonsenso». 

Il passato non si dimentica
Per Renzi il futuro del Paese viene prima della battaglia politica e delle frizioni con i grillini: «I punti di difficoltà del passato non si cancellano, io continuo a pensare deil M5S quello che ho sempre pensato e loro pensano di me quello che hanno sempre pensato, per me è una medaglia. Tra avversari si fa un tratto di strada per salvare l’Italia».   

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro + 3 =