Pensioni, Di Michele: «Inps ha accolto 25 mila domande quota 100»

Il direttore generale: «Andranno tutte in pagamento il 1° aprile. E 5 mila richieste invece sono state respinte»

Come procede quota 100? Finora i dati ufficiali dell’Inps parlano di 96.263 domande presentate per accadere alle pensioni in anticipo. Insomma, non è difficile immaginare che molto presto si sfonderà quota 100 mila. Dai dipendenti pubblici sono pervenute le rischieste più numerose (34.535), di poco avanti rispetto a quelle dei lavoratori dipendenti (33.703).

Domande accolte
Oggi il direttore generale dell’Inps, Gabriella Di Michele, ha parlato delle pensioni quota 100 a margine della presentazione delle linee guida dell’Istituto sulla sindrome di Williams: «Sono state accolte 25 mila domande e 5 mila invece sono state respinte. Le 25 mila andranno in pagamento il 1° aprile. E, poi, altre 23 mila domande con decorrenza al 1° aprile sono attualmente in giacenza». Di Michele ha anche parlato del taglio delle pensioni d’oro: «Credo che ci sarà a giugno». Poi una precisione sulla procedura: «Sulle domande di quota 100 abbiamo seguito le procedure standard dell’Istituto, quelle che seguiamo sempre, usando l’autocertificazione. Non potevamo aspettare l’Unilav, questo avrebbe comportato l’accumulo di “stock” di domande non conciliabile con l’operazione e con le attività dei prossimi mesi».