Pensioni, ritiro alle Poste a scaglioni: ecco come

quota 100

Poste adotta nuove modalità di pagamento delle pensioni, con la possibilità, per chi ritira i contanti, di recarsi agli sportelli a scaglioni, secondo un calendario studiato per evitare affollamenti pericolosi.

In dettaglio, le pensioni del mese di aprile verranno accreditate il 26 marzo per i titolari di un libretto di risparmio, di un conto BancoPosta o di una Postepay Evolution.

LE NUOVE REGOLE

Chi dovrà ritirare la pensione in contanti dovrà presentarsi agli sportelli rispettando la turnazione alfabetica prevista dal calendario seguente:

  • i cognomi dalla A alla B giovedì 26 marzo;
  • dalla C alla D venerdì 27 marzo;
  • dalla E alla K la mattina di sabato 28 marzo;
  • dalla L alla O lunedì 30 marzo;
  • dalla P alla R martedì 31 marzo;
  • dalla S alla Z mercoledì 1 aprile“.

Saranno circa 850mila i pensionati che potranno beneficiare dell’anticipo e dello scaglionamento su più giorni del pagamento delle pensioni per i mesi di aprile, maggio e giugno, fa sapere Spi-Cgil, che parla di misura “positiva perché punta ad evitare assembramenti, in particolare di persone che più di altre corrono gravi e pesanti rischi se contagiati dal virus”, chiedendo anche la messa in onda di spot tv per informare i pensionati.