Pfizer: dal vaccino Covid ricavi per 15 miliardi e utile netto del 25-30%

Pfizer ha riportato per il quarto trimestre utili di 42 centesimi ad azione, al di sotto dei 50 centesimi attesi dal consensus mentre il fatturato è stato pari a 11,7 miliardi, lievemente al di sopra delle attese a 11,5 miliardi. Il gruppo farmaceutico ha tuttavia sorpreso il mercato indicando di attendersi che le vendite del vaccino anti-covid prodotto insieme alla tedesca BioNTech genereranno vendite per 15 miliardi di dollari nel corso del 2021 (un quarto dei ricavi annuali) mentre le attese del consensus erano ferme a 12,7.

Il gruppo ha di conseguenza alzato le stime di utili per il 2021 nella forbice compresa tra 3,10 e 3,20 dollari ad azione contro la precedente forbice fornito dall’azienda di 3-3,10. Gli analisti di Wall Street si attendevano utili di 3,07 dollari nel 2021.

L’azienda americana conta di consegnare due miliardi di dosi di vaccino nel 2021. I maggiori contratti firmati finora prevedono un prezzo medio di 19 dollari per dose. I profitti sono divisi a metà tra Pfizer e l’azienda tedesca BioNTech con sui ha sviluppato il farmaco. A titolo di confronto, il vaccino Moderna costa circa 25 dollari a dose e quello di AstraZeneca 3-4 dollari mentre quello di Johnson&Johnson (non ancora autorizzato) costerà 10 dollari ma ne servirà una sola dose.

Pfizer stima un margine netto di guadagno del 25-30% sul vaccino, cioè di circa 4 miliardi di dollari.Il titolo Pfizer a Wall Street è in calo per i risultati inferiori al previsto nel quarto trimestre.