Piazza San Carlo, 4 condanne  

Il Tribunale di Torino ha condannato a oltre 10 anni di carcere i quattro ragazzi di origine maghrebina ritenuti per l’accusa responsabili di aver provocato la sera del 3 giugno 2017, spruzzando spray al peperoncino, l’ondata di panico tra la folla riunita davanti al maxischermo per assistere alla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid. Per i giovani i pubblici ministeri avevano chiesto pene di poco superiori ai 14 anni. 

“Mi aspettavo qualcosa di diverso: ha prevalso la tesi della responsabilità oggettiva e questo non è giustizia”. Così all’AdnKronos Basilio Foti, avvocato di uno degli imputati, che ha aggiunto: “Nessuno può negare la gravità di quanto successo quella sera in piazza, ma gli atti devono essere volontari e consapevoli per essere valutati in maniera piena perché gli automatismi non fanno mai giustizia”. 

“In ogni caso, mai come in questa vicenda – ha aggiunto il legale – è necessario aspettare di leggere le motivazioni della sentenza per capire  il perché della decisione del giudice – ha concluso -. Poi faremo appello”. Nel dettaglio, tre ragazzi sono stati condannati a 10 anni, 4 mesi e 20 giorni; il quarto a 10 anni, 3 mesi e 24 giorni. I giovani erano accusati di omicidio preterintenzionale, lesioni, rapina e furto. 

(Fonte: Adnkronos)