Quota 100, M5S la difende: «Va mantenuta com’è fino alla scadenza»

I pentastellati difendono la misura introdotta con l'ultima legge di bilancio e il presidente dell'Inps, Tridico, rassicura sulle coperture

quota 100

La notizia di possibili modifiche se non di una cancellazione di Quota 100, non va giù al MoVimento 5 Stelle. La misura fu uno dei due provvedimenti principali introdotti con l’ultima legge di bilancio, insieme al reddito di cittadinanza, e nonostante fosse uno dei punti cardine del programma della Lega, oggi i grillini sono pronti a difenderlo a ogni costo. Questo, nonostante il premier, Giuseppe Conte, abbia dichiarato come, in vista della prossima manovra, si stia «lavorando a possibili modifiche a Quota 100, siamo in contatto diretto con i tecnici del Mef».

Reazioni a 5 Stelle
«Il M5S – ha dichiarato il vice ministro delle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri, a margine della presentazione a Palermo del progetto “Milleperiferie” – non voterà mai una legge di bilancio che ripristina la Fornero. Questo è netto da parte di tutti, se lo volete raccontare ai colleghi di governo del Pd e di Italia Viva fatelo pure perché il messaggio è chiaro». Il riferimento è alla proposta di abolire il provvedimento, avanzata dal partito di Matteo Renzi, per reperire fondi necessari alle coperture della legge di bilancio. «I renziani non governano da soli – è stata la risposta, a stretto giro, del ministro del lavoro, Nunzia Catalfo – Quota 100 è una misura sperimentale e va mantenuta così com’è e fino alla naturale scadenza. Nel frattempo – aggiunge – stiamo lavorando ad una riforma previdenziale che superi definitivamente la Fornero che sia più giusta è più equa».

Risorse fino al 2021
Anche il viceministro dell’Interno, Vito Crimi, allontana l’ipotesi di una revisione di quota 100: «In questi giorni si fa un gran parlare di Quota 100 e qualcuno arriva perfino a metterla in discussione. Ma davvero si vuol far ricadere il Paese nel cataclisma Fornero? Pensavo che la lezione fosse bastata e che quel fallimento fosse solo un lontano ricordo. Invece, ancora oggi sentiamo qualcuno in maggioranza che vuole creare nuovi esodati – conclude – Siamo al delirio, alla follia pura! Fornero addio, Quota 100 non si tocca».
E a rassicurare sui conti è il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico: «Ci sono risparmi importanti per quota 100:circa 2 miliardi nel 2020 e anche nel 2021, perché c’è stata un’adesione inferiore rispetto a quanto previsto».