Reggina, c’è da sfatare un tabù

reggina

Chiamiamolo pure tabù Catania. Benché nell’ultracentenaria storia amaranto i successi al Massimino non siano affatto mancati, sono trascorsi dodici anni dall’ultima volta in cui la Reggina si impose ai piedi dell’Etna. Era il 4 maggio 2008 e la doppietta di Amoruso metteva in discesa il discorso salvezza per il club di via Osanna.

Un altro mattoncino da aggiungere…

E’ passata oltre una decade e nei cinque successivi incontri in terra sicula, la Reggina ha fatto registrare solo sconfitte. L’ultima, in ordine di tempo, quel 4-1 nei play-off che rappresenta una ferita ancora aperta. Ecco perché i ragazzi di mister Toscano cercheranno di fare la voce grossa in un campo ostico per tradizione. Non per vendetta, sia chiaro, ma per aggiungere “un altro mattoncino al percorso” (come direbbe il tecnico).

…orfani di capitan De Rose

Domenica mancherà all’appello capitan De Rose, appiedato dal giudice sportivo per aver collezionato la quinta infrazione stagionale. Entra in diffida, invece, Marco Rossi. La squadra, intanto, si è allenata nella mattinata di oggi.