Reggina, il Granillo è un talismano: vittoria sulla Vibonese e secondo posto

La squadra del presidente Luca Gallo raccoglie il terzo successo di fila tra le mura amiche per 2-0. E mercoledì gli amaranto sfidano la Ternana per il primo posto

Reggina

La Reggina trionfa ancora una volta in quello che ormai sembra essere il suo talismano, ovvero lo stadio Granillo. Arriva infatti, per la squadra del presidente Luca Gallo, l’ennesima vittoria tra le mura amiche,  questa volta contro la Vibonese 2-0. Il successo odierno va ad aggiungersi a quello di Coppa Italia contro il Vicenza e a quelli in campionato contro Cavese e Bisceglie e mette in chiaro, se ce ne fosse ancora bisogno, che chiunque passerà a Reggio Calabria non avrà vita facile. Anche il pubblico fa la sua parte con più di 8mila spettatori giunti allo stadio: si tratta, infatti, di un derby e quindi per questo molto sentito dai tifosi.
Sin dalla vigilia il tecnico, Mimmo Toscano, aveva ricordato l’importanza di questa partita, ed è riuscito a tenere concentrata la squadra evitando il rischio che la testa dei giocatori potesse essere già proiettata ai prossimi scontri contro Ternana e Catania.

Ancora Reginaldo
La gara parte con la Reggina che cerca di imporsi sin dai primi minuti. Il gol arriva all’11’ grazie a Reginaldo che sblocca la gara sugli sviluppi di un calcio d’angolo di Bellomo, grazie anche a una deviazione della difesa avversaria (in seguito verrà assegnato autogol a Malberti). I padroni di casa, però, non si accontentano e hanno altre due occasioni nei dieci minuti successivi per trovare il raddoppio prima con Doumbia, poi con Bellomo.
Purtroppo al 23′ ecco che gli amaranto devono far fronte all’infortunio di Doumbia (appena rientrato nella precedente gara col Bari) che esce per un problema muscolare, sostituito da Corazza. Qualche occasione anche per la Vibonese, ma la difesa della Reggina riesce a contenere gli attacchi. Poi al 42′ nuovo tentativo di Reginaldo che riesce a ottenere un calcio di punizione dal limite. Lo stesso attaccante brasiliano poco dopo si trova a tu per tu con il portiere avversario, ma viene fermato dall’arbitro. Si va dunque al riposo con gli amaranto padroni del terreno di gioco.

Chiude i giochi Corazza
La ripresa inizia nel migliore dei modi con Corazza che impiega appena 36 secondi dal calcio d’inizio per segnare il raddoppio. Il gol sembra abbattere la Vibonese che non riesce a riaprire la gara. Merito anche del tecnico amaranto, Toscano, che riesce a risistemare i suoi in modo da chiudere gli spazi. Certo non tutto è tranquillo, lo dimostrano le ammonizioni che iniziano ad affollare il taccuino del direttore di gara. Una di queste è anche per Mimmo Toscano, segno di come la tensione non sia solo in campo, nonostante il risultato che sorride agli amaranto. La Vibonese, però, non riesce a riaprire il match che, quindi prosegue inesorabile vero il 2-0 finale che proietta la Reggina al secondo posto in classifica, con 11 punti, dietro alla Ternana a 12.

E ora?
Proprio la Ternana sarà l’avversario della prossima gara che si giocherà, stavolta in trasferta, mercoledì alle 15. Un successo proietterebbe gli amaranto in vetta prima di tornare nuovamente al Granillo, domenica prossima, per affrontare il Catania. Inutile dire che un doppio successo candiderebbe la Reggina al ruolo di squadra da battere e che avvicinerebbe un po’ più alla realtà quel sogno chiamato promozione diretta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × due =